Bologna-Cagliari, l’analisi dei gol subiti

© foto 25-10-2020 Cagliari-Crotone, Sardegna Arena. Foto Gianluca Zuddas/CagliariNews24.com. Nella foto: Eusebio Di Francesco

Le pecche della difesa del Cagliari sotto la lente d’ingrandimento: Walukiewicz è lento contro Barrow, Marin e Rog fuori posizione su due gol

L’attacco gira ma niente punti. Il Cagliari è tornato da Bologna a bocca asciutta: nonostante sia passato in vantaggio due volte, è uscito dal campo con un 3-2 sul groppone. E, sebbene Joao Pedro e Simeone continuino a fare il proprio lavoro in maniera egregia, c’è ancora tanto lavoro da fare per Di Francesco sotto l’aspetto difensivo. I rossoblù continuano a prendere troppi gol – 15, sono la seconda peggior difesa del campionato al pari di Spezia e Torino – e a concedere troppe occasioni alle squadre avversarie.

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!

BARROW BRUCIA WALU – L’azione dell’1-1 subito sabato (minuto 1:43) del video alla fine dell’articolo) nasce da una palla persa al limite dell’area avversaria. In questa occasione, la squadra di Di Francesco accetta di concedere una possibile ripartenza ai felsinei, lasciando l’1 contro 1 ai propri difensori per non perdere la spinta offensiva di Zappa. Il Bologna recupera la sfera ed è rapido in transizione, ribaltando il fronte con pochi passaggi. I rossoblù non si fanno cogliere alla sprovvista: sebbene il terzino destro sia fuori posizione, in quanto intento a partecipare alla manovra offensiva dei suoi, il Cagliari si trova in parità numerica. Marin esce su Soriano, portatore di palla; Walukiewicz, Godin e Lykogiannis gestiscono rispettivamente Barrow, Palacio e l’accorrente Orsolini. Quando Soriano serve Barrow sull’out di sinistra, il gambiano è bravo nel saltare secco Walukiewicz e formidabile nello scaricare una sassata sotto al sette. Al difensore polacco si può imputare qualche colpa: infatti, sull’1 contro 1 non lavora bene con gli appoggi, concede un po’ troppo spazio al destro avversario e non è reattivo nella sterzata.

MARIN PERDE SORIANO – La seconda rete (minuto 2:36 del video alla fine dell’articolo) arriva dopo una palla persa dal Cagliari su rinvio dal fondo. Godin si incarica della battuta – scelta particolarmente curiosa – e cerca lungo Simeone, anticipato da Schouten. Il pallone finisce nella zona di Orsolini: Lykogiannis accorcia al pari di Rog, che sbaglia la valutazione e si fa attrarre dal pallone. A questo punto Soriano sguscia dietro Rog e si inserisce centralmente; Marin è piatto sulla linea del compagno di reparto e non è reattivo nel coprirgli le spalle. Quando Orsolini spizza per Soriano, si crea un 3 contro 3: Godin e Zappa vegliano su Barrow e Palacio, posizionati larghi, mentre Walukiewicz deve assorbire l’inserimento del trequartista del Bologna trovandosi in incolpevole ritardo. Soriano azzecca la conclusione dal limite dell’area e fredda Cragno.

ROG E MARIN IN RITARDOMarin ha colpe anche sul 3-2 (minuto 3:00 del video alla fine dell’articolo) che chiude i conti, condivise col compagno di reparto Rog. Hickey batte una rimessa laterale dall’altezza dell’area di rigore su Palacio, che protegge su Zappa, e si lancia alle spalle del compagno di squadra. Nandez segue l’inserimento del terzino scozzese per poi scambiare l’uomo con Zappa. Svanberg, tenuto da Marin, si stacca dietro per offrire una soluzione alternativa a Palacio. Qua il mediano rumeno del Cagliari non segue il suo uomo di riferimento, bensì lavora da schermo su Barrow che è già tenuto da Rog. Palacio scarica su Svanberg e Marin esce, trovandosi a questo punto in ritardo. Barrow si stacca alla ricerca della luce del passaggio e riesce a farsi servire dal compagno di squadra; Rog è distante e si fa cogliere di sorpresa quando il gambiano lascia scorrere il pallone per cercare la porta di prima: ancora una volta Cragno incolpevole e battuto.