Maran presenta Cagliari-Frosinone: «Vogliamo confermarci»

maran cagliari
© foto Elena Accardi per CagliariNews24.com

La conferenza stampa di Rolando Maran alla vigilia di Cagliari-Frosinone. Il tecnico rossoblù anticipa i temi di una sfida pesante in chiave salvezza

Dopo il successo sulla Spal e il combattuto pareggio di Torino, il Cagliari cerca di dare lo scossone decisivo alla classifica. La sfida di domani pomeriggio contro il Frosinone può dare ai rossoblù un vantaggio definitivo sulla zona rossa, ma per battere i ciociari mister Maran dovrà trovare il modo di sopperire all’assenza di ben tre giocatori squalificati. Il tecnico si è presentato in sala stampa al centro sportivo di Assemini per la consueta conferenza stampa della vigilia.

«Oltre ai tre squalificati (Barella, Pellegrini e Pisacane, NdR) mancheranno Cacciatore e Castro – ha esordito Maran – È normale che cambiare tutte le settimane non è la cosa più congeniale. Siamo però in un periodo in cui tutti hanno acquisito i nostri concetti. Chi va in campo sa quali sono i suoi compiti; certo sarebbe sempre meglio avere tutti a disposizione. Cambi tattici? Noi dobbiamo avere la nostra fisionomia. Dobbiamo giocare con il paraocchi senza farci distrarre da nulla. Domani affrontiamo una squadra che in trasferta sta andando forte, non sarà semplice. I numeri parlano chiaro e il Frosinone in trasferta è da metà classifica. Noi in casa stiamo attraversando un buon periodo. Dobbiamo capire le insidie. Bisogna avere la pazienza giusta ed essere lucidi dall’inizio alla fine».

Spazio poi agli obiettivi stagionali e allo stato di forma attuale: «Che ci sia entusiasmo è positivo. L’obiettivo però rimane la salvezza. Quello che verrà in più sarà tutto di guadagnato, cercheremo di fare il massimo. Decimo posto? Questa squadra ha dimostrato di potersi giocare cose superiori ai nostri obiettivi. Domani è importante per raggiungere la salvezza e vogliamo fare un regalo ai nostri tifosi. Srna sta bene ed è un grandissimo lavoratore. Merita questa maglia, sta dando tutto il suo contributo. Ai giocatori la formazione la dico il giorno della partita. Nessun giocatore gioca al posto di qualcuno, sono tutti professionisti che hanno dimostrato di essere utili e in questo momento tutti devono far vedere che il gruppo è cresciuto nel suo insiemeDobbiamo confermarci con l’intera rosa. Torino è una delle gare che ha dimostrato una buona dosa di carattere e abbiamo fatto un ulteriore step. Siamo rimasti compatti e lucidi anche dopo essere andati sotto. L’intensità in questo finale di stagione deve restare alta. Bisogna stare attenti con i recuperi, ma nei giorni di carico bisogna andare forte e cerchiamo di farlo».

Dichiarazioni raccolte dal nostro inviato ad Assemini Roberto Carta