Connettiti con noi

News

Cagliari, a Genova alla ricerca del riscatto

Pubblicato

su

Genoa-Cagliari sarà per le due rossoblù l’ultima gara del girone di andata. Il punto della situazione in vista del match

Mancano poche ore al fischio di inizio di quella che per il Cagliari sarà una prova fondamentale per iniziare a determinare il suo futuro. Contro il Genoa si giunge infatti alla conclusione di un girone di andata che lascia sicuramente l’amaro in bocca. Le due compagini fino a poche settimane fa condividevano un percorso tortuoso che, nel caso dei grifoni, ha portato all’esonero del tecnico Rolando Maran. Con l’arrivo di Ballardini, però, la musica è cambiata e il Genoa, complice anche le ottime intuizioni del nuovo allenatore, è riuscito a invertire un trend decisamente negativo. Il Cagliari non può dire la stessa cosa, continua a navigare su acque che di calmo hanno davvero ben poco. Nel 2021, la squadra di Eusebio Di Francesco non è riuscita a portare a casa nemmeno un punto: la tanta ingenuità, la disattenzione e gli errori commessi in tante occasioni non hanno sicuramente dato una mano a un gruppo in cui si sente la mancanza di carattere, di personalità, di compattezza. La classifica fa inevitabilmente paura e, in qualche modo, si dovrà tentare di limitare i danni. Il derby a tinte rossoblù in programma oggi alle 15 al Marassi di Genova dovrà essere per il Cagliari il punto di partenza per ricominciare. Non basterà la fortuna. La vittoria e la prestazione in campo sarà decisiva per il gruppo così come per lo stesso Eusebio Di Francesco.

DECISIONE E CARATTERE – Oggi, dopo due giornate di squalifica, tornerà in campo El Leon Nahitan Nandez che, in questo girone di andata, si è rivelato indispensabile. La sua corsa, le sue giocate, la sua “garra charrua” hanno dato più volte la scossa a una squadra che ha bisogno di uno spirito guerriero come il suo. Il suo contributo, questo pomeriggio, sarà fondamentale. Spazio anche ai nuovi arrivati Duncan e Calabresi che, in questa settimana di preparazione, si sono concentrati sul miglioramento della propria condizione fisica e sono stati gradualmente inseriti all’interno di una compagine più che valida ma che ancora non è riuscita a far vedere il suo carattere e la sua vera personalità. Sarà indispensabile Joao Pedro e il tratto che meglio lo caratterizza: la freddezza sotto porta. Malgrado tutto, malgrado le prestazioni non sempre di qualità, è sempre riuscito a ridestare la squadra di cui è capitano e a sbloccare improvvisamente il match con le sue giocate e a lasciare di stucco l’avversario. Nel frattempo si aspetta anche il ritorno in rete di Giovanni Simeone. Il suo gol è ormai un ricordo lontano. Dopo la sua positività al Coronavirus, Il Cholito sembra aver perso quella aggressività che aveva finalmente conquistato. Ogni tanto fa tremare il portiere avversario con delle giocate strabilianti che purtroppo però non trovano la giusta conclusione. È arrivato anche per lui il momento di riprendere in mano la situazione e di ritrovare una fiducia perduta per strada. Oggi la missione è mostrare compattezza perché il Genoa non ha nessuna voglia di perdere. Grazie a Ballardini ha ritrovato la sua vitalità, la sua compattezza, un buon gioco. È arrivato il momento di far vedere il vero Cagliari.

CLICCA QUI PER CONTENUTI VIDEO ESCLUSIVI SUL CAGLIARI!