Cagliari, accadde oggi: i rossoblù schiantano il Parma e conquistano la salvezza

mauro esposito cagliari
© foto Twitter Cagliari Calcio

Esattamente 14 anni fa, il Cagliari batteva i ducali con le reti di Capone, Suazo ed Esposito, e si assicurava un altro anno tra le grandi. L’amarcord di Cagliari-Parma del 2006

3-1 e salvezza in tasca. Si può tirare un bel sospiro di sollievo, finalmente. Dolcissimo, se si ripensa a tutte le sofferenze patite. Quel Cagliari-Parma, 30 aprile 2006, fu un’autentica liberazione per tutto il tifo isolano. Figlia di una stagione nata storta e raddrizzata con abilità.

I rossoblù, dopo un inizio di stagione horror, hanno compiuto un piccolo miracolo. All’undicesima giornata erano penultimi con 5 punti; Tesser, Arrigoni e Ballardini hanno provato, senza riuscire, a sbrogliare la situazione. Poi Cellino ha chiamato Sonetti e la squadra ha risalito la china: oggi conta quattro punti in più del Messina terzultimo. Vincere è fondamentale, sperando che i siciliani inciampino in casa della Reggina. Dall’altra parte della barricata c’è un Parma salvo e senza particolari obiettivi.

Tra il fischio iniziale e la prima occasione passano appena 22 secondi: la girata di Suazo termina a un metro dal palo. Due minuti e Capone spara alto da ottima posizione. Il Cagliari va a ritmi forsennati e viene premiato all’11’: Suazo appoggia dietro dal fondo, De Lucia anticipa con la punta delle dita Esposito, Capone si avventa sul pallone e stavolta non sbaglia. Il Parma reagisce con Bresciano, ma Chimenti è superlativo. Poco dopo Bizera, da ottima posizione, spara alto. Prove generali per il raddoppio rossoblù. Alla mezz’ora Gobbi viene steso in area, Rosetti indica il dischetto. Dagli 11 metri Suazo apre il piattone e De Lucia, seppur intuendo, non sfiora neanche.

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!

Il secondo tempo si riapre con buone notizie dal Granillo: le reti di Cozza e Amoruso hanno indirizzato il Derby dello Stretto verso Reggio Calabria. Intanto, il Cagliari continua a macinare gioco e trova il 3-0 al minuto 63 con Esposito. Il numero 7 si invola sulla destra, manda al bar Couto e infila De Lucia col sinistro. Al 74’ Bernardi trova il gol dell’ex su un cross di Bonera, ma il Sant’Elia sta già pregustando la festa. Il giubilo esplode poco dopo: la Reggina segna la rete del 3-0 con Bianchi e mette, definitivamente, al tappeto il Messina.

TABELLINO: CAGLIARI – PARMA 3-1

CAGLIARI (4-3-3): Chimenti, Ferri (24′ st Agostini), Bizera, Lopez, Pisano, Conticchio, Conti, Gobbi, Esposito (46′ st Cossu), Suazo, Capone (29′ st Budel). Panchina: Campagnolo, Vignati, Pani, Cocco. Allenatore: Nedo Sonetti.

PARMA (4-2-3-1): De Lucia, Ferronetti, P. Cannavaro (42′ st Pasquale), Couto, Bonera, Grella, Simplicio, Coly, Cigarini (10′ st Morfeo), Bresciano (21′ st Paponi), Corradi. Panchina: Bucci, Cardone, Contini, Camara. Allenatore: Mario Beretta.

ARBITRO: Roberto Rosetti di Torino.

RETI: nel pt 11′ Capone, 31′ Suazo (rigore); 18′ Esposito, 29′ Corradi.

NOTE: Ammoniti Morfeo e Bonera.