Pro Vercelli, il patron Secondo: «Salvezza meritata, nessuno ci ha regalato nulla»

© foto www.imagephotoagency.it

Sconfitta indolore per la Pro Vercelli, superata a domicilio dal Cagliari, fresco vincitore della Serie B. I piemontesi raggiungono comunque la salvezza e possono così festeggiare la permanenza nel campionato cadetto. Il patron Massimo Secondo non ha nascosto la soddisfazione per il traguardo raggiunto ai microfoni di MagicaPro.it: «Come premessa credo sia doveroso dedicare questa salvezza a Felix Lombardi, che ci ha lasciato e da dove è ora sicuramente ci ha dato una mano. Lui c’era sempre, anche in trasferta, ovunque. Esserci salvati nonostante tutto, nonostante le problematiche, è una enorme soddisfazione. Nessuno ci ha regalato nulla, nemmeno il Cagliari questa sera, mentre su altri campi ciò non è avvenuto. Devo ringraziare il direttore, visto che molto merito di questa salvezza è suo anche perché è lui che nei momenti difficili ha tenuto tutto in equilibrio, ha sempre avuto le parole giuste. Noi abbiamo fatto un campionato dove siamo sempre stati sul filo del rasoio, quasi sempre fuori dalla zona retrocessione, ma sempre lì. E in  questi campionati è importante anche avere un gruppo unito, vanno scelti gli uomini oltre ai giocatori, noi abbiamo sempre cercato di privilegiare il lato umano e il direttore da questo punto di vista non ha sbagliato un colpo. Sono tutti ragazzi eccezionali che hanno sempre dato il 110% di quello che avevano in tutte le partite. Non cito nessuno in particolare, in un gruppo è importante anche chi gioca poco ma dà un contributo positivo, qui l’hanno sempre dato tutti alla grande. Sono state 42 partite al cardiopalma, ci prendiamo una settimana di pausa, da quella successiva si riprenderà a lavorare per il futuro. Dobbiamo solo festeggiare per ora, di tempo per pensare al mercato ce n’è».

Articolo precedente
Pro Vercelli, Foscarini: «La città dovrebbe essere orgogliosa di questa squadra»
Prossimo articolo
Cagliari, Sau: «Sentivo che quell’ultimo pallone poteva essere decisivo»