Giulini: «Barella potrebbe partire in estate, Cragno rinnova fino al 2024»

© foto CagliariNews24.com

Cagliari, parla il presidente Giulini: al workshop del club rossoblù i bilanci, le prospettive e anche le indicazioni di mercato sui due nomi caldi

Bilanci, considerazioni ma anche mercato. Al workshop organizzato al Forte Village il presidente del Cagliari ha dato indicazioni importanti sul futuro. Queste le parole di Tommaso Giulini: «La salvezza non è un risultato scontato, per una piazza come Cagliari mantenere la categoria è una vittoria. Quest’anno il Sud era rappresentato praticamente solo dal Napoli, noi riusciamo a restare in Serie A rappresentando una terra che per altri versi è svantaggiata. Speravamo di arrivare più in alto, un punto nelle ultime cinque gare non è quello che volevamo e lascia un po’ di amarezza. Abbiamo ancora più voglia di fare una grande stagione il prossimo anno, quello del centenario. Maran ha la mia fiducia perché lo ritengo uno dei migliori allenatori italiani e dei più preparati; per arrivare a grandi risultati ci vuole continuità. A tratti, quando la rosa era al completo, abbiamo visto del bel gioco e vogliamo dare continuità anche alla rosa con i giusti innesti. Non vogliamo smembrare l’organico. Da presidente devo pensare prima di tutto al pragmatismo, ma certo mi piace quando vedo un Cagliari che gioca bene. Come società vogliamo dare a Maran gli elementi per ritrovare il gioco che faceva il suo Catania. A livello mediatico ci battiamo per avere la visibilità che merita l’ottava squadra d’Italia per numero di tifosi. I primi due anni come presidente sono stati stressanti, prima la retrocessione e poi l’obbligo di risalita: in seguito, grazie anche a uno staff ormai eccellente, ho imparato a vivere tutto con un pizzico di distacco e serenità in più».

Quindi il mercato, con attenzione ai due nomi più caldi: «Barella? Ricordo la prima volta che l’ho visto in allenamento fra i ragazzi, la mattina dopo firmava il primo contratto perché se l’avesse visto un club straniero ce lo avrebbe soffiato subito. Penseremo al suo futuro, questa potrebbe essere l’estate in cui fa il grande salto. Ha un valore molto importante, a quantificarlo penserà il ds Carli. Cragno? In Sardegna sta bene e sta per sposarsi qui a Cagliari, vorremmo iniziare la nuova stagione blindando la porta perciò rinnoviamo il contratto con lui fino al 2024».