Cagliari, parla Faragò: «Bravi a rimontare lo svantaggio»

cagliari faragò
© foto www.imagephotoagency.it

Cagliari, Paolo Faragò commenta la partita di sabato contro la Spal e le convocazioni in azzurro dei suoi compagni Cragno, Barella e Pavoletti

Paolo Faragò ha avuto modo di dire la sua sulla partita giocata a Ferrara contro la Spal. Ospite a Videolina Sport, l’esterno del Cagliari l’ha raccontata così: «La partita si era messa sul binario sbagliato: sotto di due gol per noi era dura, ma siamo stati bravi a rimontare subito lo svantaggio e alla fine avremmo potuto addirittura vincere. Però va bene così: il bicchiere è senz’altro mezzo pieno, portiamo a casa un buon punto».

LA PARTITA – Consapevole di aver affrontato una partita non semplice, Faragò ammette la difficoltà dei rossoblù nel contenere la forza d’urto iniziale della Spal. Non nega anche un po’ di sfortuna, soprattutto nel primo gol: senza la deviazione il pallone sarebbe finito nelle mani di Cragno. Il centrocampista continua la sua intervista elogiando comunque la squadra perché, nonostante la seconda rete subita, i sardi non si sono disuniti ed hanno continuato a lottare, ottenendo così il pareggio e dando un chiaro segno di crescita.

LE CONVOCAZIONI IN AZZURRO – Faragò non ha parlato soltanto della partita. Nel corso della trasmissione ha commentato anche le tre convocazioni in Nazionale maggiore per Barella, Cragno e Pavoletti: «Per noi avere tre compagni che vengono chiamati a vestire l’azzurro è davvero un motivo di grande orgoglio. Quando ad Asseminello abbiamo appreso che anche Leo era stato convocato lo abbiamo festeggiato tanto».

CONTINUARE A MIGLIORARE – La bella prestazione contro la Spal non basta. Bisogna continuare a migliorare, allenamento dopo allenamento, dando sempre il massimo e continuando a dimostrare carattere in ogni singola performance. Ha fame di punti il 24 rossoblù, così come l’intera squadra e spera di poterne portare in cassaforte quanti più possibile: «Il nostro obiettivo deve essere prima di tutto la salvezza».

LA CONCORRENZA – Momentaneamente Paolo Faragò ha trovato poco spazio nelle formazioni di Maran. L’affollamento nel suo ruolo, sia da terzino che da centrocampista, è notevole ma il giocatore non si scoraggia. Come lui stesso ha detto durante la sua intervista, spetta a lui dimostrare al mister il suo massimo impegno in ogni occasione e cercare di fare bene quando è chiamato in causa. Per quanto riguarda il ruolo nessun problema: è pronto ad adattarsi a qualsiasi posizione per il bene della squadra.

Elena Accardi

Articolo precedente
lopez uruguayUruguay, Diego Lopez bicampeon con il Penarol: «Emozione incredibile»
Prossimo articolo
maran cagliariMaran: «Pavoletti giocatore completo, Barella avrà un grande futuro in azzurro»