Cagliari, Faragò: «La sconfitta di coppa è alle spalle, siamo concentrati sull’Empoli»

Faragò cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Cagliari, parla Paolo Faragò: il rossoblù archivia la delusione di coppa e mette nel mirino la sfida con l’Empoli, importantissima per la classifica

A tre giorni da Cagliari-Empoli i rossoblù sono concentrati sul match che segna la ripresa del campionato dopo la sosta invernale. A parlare della sfida ai microfoni di Radiolina è Paolo Faragò che ultimamente ha trovato maggior minutaggio dopo un avvio di campionato in sordina: «Personalmente ho sempre sentito la fiducia dell’allenatore, di certo ora che trovo più minutaggio sto meglio. Anche fisicamente, più giochi più sei allenato e pronto. Il ruolo che preferisco è quello di mezzala: mi piazzo dove vuole il mister e trovo i miei riscontri anche da terzino, ma se posso scegliere mi piace agire a centrocampo».

Il mirino della squadra di Maran è puntato su domenica, con l’eliminazione dalla coppa ormai in archivio: «Siamo concentrati totalmente su Cagliari-Empoli che sarà una partita importantissima, speriamo di vedere lo stadio pieno perché la nostra gente ci dà una grossa mano. In Coppa Italia abbiamo affrontato la squadra che forse più di tutte fa forza sulla prestanza fisica, anche questo spiega il calo che abbiamo avuto nella ripresa. Resta il rammarico per qualche occasione non sfruttata, il finale poteva essere diverso e invece l’Atalanta ha potuto approfittare del fatto che ci siamo allungati. Resta comunque un avversario fortissimo, ora non dobbiamo più pensarci perché domenica arriva una sfida più importante».

In un periodo nel quale le voci di mercato pressano, Faragò racconta la condizione di un calciatore che deve fare i conti con i rumors e il campo: «Il calciomercato è un momento particolare, è capitato anche a me di essere al centro di tante voci in passato. La cosa difficile è ignorare tutto e andare avanti, il mercato invernale in questo senso è più facile perché capita in un periodo di calcio giocato e concentrarsi sulle partite aiuta a isolarsi dal caos».

C’è spazio anche per qualche parola sui singoli, dall’ultimo arrivato in casa Cagliari al giocatore col maggior minutaggio del campionato: «Birsa si è inserito subito bene, è un giocatore di qualità e un bravissimo ragazzo. Conosce già i dettami del mister, sono certo che ci darà una grossa mano da subito. Cragno ha dimostrato di essere un portiere forte, è tornato dal prestito al Benevento con più sicurezza e sta crescendo ancora. Per noi è una certezza, sapere di avere alle spalle un portiere così ti permette di giocare con maggior tranquillità».