Vicenza, Lerda: «Cagliari? Pensiamo a noi, servono sacrificio, personalità e autostima»

© foto www.imagephotoagency.it

Domani pomeriggio scenderanno sul terreno di gioco del “Romeo Menti” Vincenza e Cagliari. Quasi un testacoda, considerando che i rossoblù sono la seconda forza del torneo ed i Lanerossi navigano nelle torbide acque della zona retrocessione. Il momento, però, accomuna le due compagini: reduci da un solo punto nelle ultime quattro gare, entrambe le squadre hanno trascorso una settimana atipica. Il Cagliari ha preparato la gara dal ritiro di Asseminello; i biancorossi, che versano in una situazione più grave, hanno optato per il cambo della guida tecnica. A Marino è succeduto Franco Lerda, che ha guidato i suoi negli ultimi giorni. In vista del match di domani il nuovo tecnico del Lane ha tenuto in giornata la consueta conferenza stampa. «La squadra ha ora il morale più alto, abbiamo alzato la testa, c’è più autostima e fiducia. Abbiamo lavorato bene anche se si è trattata di una settimana particolare perché più corta. C’è stato tuttavia il tempo sufficiente per preparare bene la partita. Stamattina abbiamo rifinito con concentrazione, desiderosi di uscire da questo momento», le parole del tecnico piemontese, riportate dal sito del Vicenza.

 

«A me interessa che la risposta psicologica sia stata di un certo tipo, poi tutto passerà per il campo. Il gruppo si è messo a totale disposizione. Ho chiesto a Brighenti, anche se squalificato, di essere presente con noi perché è importante la sua presenza», ha continuato Lerda. «Non ho rivoluzionato nulla, la dislocazione degli uomini in campo cambia poco. Cerco di mettere i calciatori a disposizione in modo equilibrato e razionale il più possibile. Nel corso della gara avremo magari la possibilità di muovere le pedine ma senza perdere l’equilibrio. In porta? Parte Benussi perché questa settimana Vigorito ha accusato il riacutizzarsi di un dolore alla spalla e non ha potuto allenarsi con una certa continuità».

 

L’AVVERSARIO – «Chi sia l’avversario di domani per noi cambia poco. Dobbiamo guardare a noi stessi, a quello che abbiamo preparato con il giusto atteggiamento. Il Cagliari è un’ottima squadra, reduce da un periodo non buono ma ripeto per noi vale guardare solo in casa nostra».

 

LA STRADA DA SEGUIRE – «Il mio è un calcio molto pragmatico, la mia squadra deve essere corta, saper attaccare in blocco e difendere in blocco. Il resto sono dettagli. Questo implica che la squadra corra e ci sia predisposizione al sacrificio. Domani mi auguro di vedere già alcune cose che abbiamo provato in allenamento. Quello che conta era vedere la risposta della squadra e lo ha saputo dimostrare molto bene. I calciatori sono i primi a riconoscere che possono fare meglio, ho avuto colloqui a livello individuale con tutti loro. Il calcio non è scienza, casomai si avvale della scienza. I numeri, i dati, i parametri che rileviamo sul campo li devo sfruttare per quello che sono, senza troppi condizionamenti, quello che conta è la palla che deve sempre viaggiare. Scacciamo la paura dalla nostra testa, questa è la chiave. Per fare bene e trovarsi sulla giusta strada servono coraggio, personalità, autostima, fiducia».

Articolo precedente
Vicenza-Cagliari, Lerda ne convoca 22
Prossimo articolo
Di Gennaro: «Grande emozione tornare al Menti, ma cercheremo di vincere»