Verso Cagliari-Roma: 3-5-2 o 4-3-1-2?

© foto www.imagephotoagency.it

Si avvicina il giorno della prima gara casalinga in questa Serie A per il Cagliari di Rastelli. Dopo la sconfitta di Genova per 3-1, i rossoblù incontreranno una delle squadre più attrezzate del campionato: la Roma. Il dubbio che si porterà dietro la squadra fino a sabato è il modulo che sceglierà il tecnico per la sfida contro i giallorossi. Difesa a tre o trequartista? 3-5-2 o 4-3-1-2?

 

La difesa a tre, o meglio a cinque, proposta contro il Genoa non ha convinto, nonostante una grande prestazione difensiva di Bruno Alves. La squadra ha finito con il farsi schiacciare troppo in area di rigore, senza riuscire a contrastare la manovra avversaria. La scelta di uno modulo provato solo nelle ultime settimane è dovuta all’assenza per infortunio di Joao Pedro, oltre che dello squalificato Nicolò Barella, l’altro trequartista in rosa. Contro la Roma rientrerà sicuramente il giovane cagliaritano, mentre per il brasiliano si tenta un recupero in extremis. Anche ieri il numero 10 ha lavorato a parte. L’assenza di Joao Pedro contro il Genoa è stata pesante, soprattutto in fase di non possesso. Senza trequartista, nessun giocatore è riuscito a bloccare l’inizio di manovra della squadra di Juric, che passava dai pedi di Miguel Veloso. A livello tattico nella passata stagione l’uomo che agiva tra centrocampo e attacco nel Cagliari è stato fondamentale per questo. Anche la Roma fa partire la propria azione da un regista (De Rossi o Paredes) e dovrebbe portare Rastelli a tornare al 4-3-1-2. Ma tutto dipenderà dal recupero di Joao Pedro.

Articolo precedente
Roma, Sabatini: «Ripartire ed onorare la stagione, già contro il Cagliari»
Prossimo articolo
Cagliari, domani la conferenza stampa di Colombo e Barella