Radja Nainggolan, il vice-Conti “fatto in casa”

© foto www.imagephotoagency.it

L’infortunio di capitan Conti lascia vacante il posto nel ruolo nevralgico del centrocampo isolano, occupato dal romano ormai da quattordici stagioni a questa parte. Nel corso degli anni, all’assenza del numero 5 rossoblù, vuoi per infortunio, vuoi per squalifica, non è corrisposta una sostituzione con un giocatore fisso che possa essere stato stabilmente considerato “il vice-Conti”. E’ ciò che sta invece capitando negli ultimi tempi, dove il Cagliari, senza andare alla ricerca sul mercato di un giocatore che possa all’occorrenza sostiturire il capitano, si è ritrovata in casa l’elemento che ha dimostrato di poter garantire un livello di prestazione tale da non dover rimpiangerne l’assenza quando all’occorenza indisponibile. Parliamo del “ninja” rossoblù, il centrocampista belga, ormai polivalente, Radja Nainggolan.

In passato, prima Pierpaolo Bisoli, che probabilmente è stato colui che per primo ha intravisto in lui le possibilità di ricoprire all’occorrenza questo ruolo (affidatogli con gran profitto nella partita d’esordio a Palermo nella stagione 2010-2011, terminata a reti inviolate), poi mister Ficcadenti hanno impiegato Radja nella posizione di schermo davanti alla difesa con grande profitto. Ultima prova convincente in ordine di tempo, è quella offerta ieri nel match stravinto contro la Sampdoria. Il belga indonesiano ha svolto il suo compito diligentemente, chiaramente non possedendo la stessa visione di gioco del capitano, ma dimostrando di poter essere in grado di garantire senza dubbio una preziosa fase di interdizione e un puntuale lavoro di smistamento dei palloni giocabili ai compagni. Unico neo nella prestazione di ieri, il pallone perso al limite dell’area nei minuti finali che poi è costato nel proseguo dell’azione il fallo da rigore di Rossettini. Ma visto il risultato finale, si può bonariamente chiudere un occhio. Dunque, ancora una volta, e se mai ce ne fosse stato bisogno, arriva la conferma: Radja Nainggolan come “vice-Conti”, promosso!

Articolo precedente
Cossu e il Cagliari: un amore infinito
Prossimo articolo
Zazzaroni: “Aprite Is Arenas”