Prandelli: «Cagliari pericoloso, faremo attenzione»

© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni del tecnico della Fiorentina Cesare Prandelli alla vigilia della sfida del Franchi con il Cagliari di Di Francesco

La Fiorentina ultima la preparazione alla gara di domani: all’Artemio Franchi alle 18 la Viola affronterà il Cagliari di Eusebio Di Francesco, che è già atterrato a Firenze nella serata di ieri per un mini ritiro. Il tecnico fiorentino Cesare Prandelli, nella mattinata odierna, ha risposto alle domande della stampa in ottica match.

USCIRE DALLE DIFFICOLTÀ – Sia il Cagliari che la Fiorentina, al momento, non si trovano in un momento particolarmente buono: quello di domani sarà uno scontro diretto. «Ci troviamo in un momento particolare entrambe, e l’assenza del pubblico certamente non aiuta. Ma anche senza i nostri tifosi dobbiamo onorare la maglia e scendere in campo dando tutto. Nelle ultime gare sto vedendo buonissime prestazione della squadra ma purtroppo non abbiamo ottenuto risultati. Ovviamente non cerchiamo solo la prestazione, preferirei giocare sempre male ma vincere».

SCHIARIRE LE IDEE – Serve ordine e disciplina per uscire dalla crisi, e Prandelli cerca la formula giusta: «Ai miei ragazzi chiedo di avere poche idee, ma di averle ben chiare in testa. Dobbiamo fare la partita per 90 minuti e quando non riusciamo dobbiamo essere in grado di non subire troppo. Poi quello che ci serve è avere una forza psicologica maggiore di quella degli avversari e saper mettere intensità in tutta la gara».

DUBBI DI FORMAZIONE Prandelli non ha ancora sciolto gli ultimi dubbi sui primi undici che andranno ad affrontare il Cagliari: «Ribery è ancora sotto osservazione, capiremo nelle prossime ore se potrà essere della partita o meno. Per quanto riguarda le due punte mi piacerebbe poterle inserire insieme, ma in Italia l’unica squadra con due attaccanti in grado di completarsi e giocare bene insieme è l’Inter. Vedremo se mettere Kouamé con Vlahovic o se schierare Eysseric per avere più qualità». Qualità che è ricercata anche in mezzo al campo, ma in forme diverse: «A seconda dell’avversario scegliamo di avere un palleggiatore più alto o più basso: se ci vengono a pressare alti è quasi inutile costruire dalla difesa».

AVVERSARI TEMIBILI – Lo scontro diretto nelle zone prossime alla retrocessione non riflette certamente i valori di due rose di qualità: «Il Cagliari è tra i migliori attacchi del campionato, anche se in difesa concede tanto. In particolare sono tra le migliori squadre per dribbling realizzati, e poi sono fortissimi sulle ripartenza rapide». Osservato speciale sarà Riccardo Sottil, cresciuto nel vivaio viola e ora in prestito ai rossoblù: «Sottil è bravissimo nell’uno contro uno e può diventare un problema quando salta l’uomo e crea superiorità. Dovremo fare attenzione eliminare specialmente questo aspetto».

MERCATO IN USCITA – La Fiorentina si sta muovendo sul mercato in uscita, e uno dei giocatori con le valigie pronte sembra essere Alfred Duncan, centrocampista che pare abbia già trovato un accordo proprio il Cagliari. In merito al corteggiamento di diversi giocatori della rosa che non riescono a trovare spazio in campo (tra cui appunto Duncan) Prandelli risponde: «Purtroppo quando si compra il giocatore non si compra anche la testa. A volte ci sono diverse difficoltà di adattamento e per questo motivo un giocatore che in altri contesti rende bene da noi può non trovare spazio».

 CLICCA QUI PER CONTENUTI VIDEO ESCLUSIVI SUL CAGLIARI!