Rastelli verso Crotone-Cagliari: «Domani inizia un altro campionato»

© foto www.imagephotoagency.it

Grande attesa in casa rossoblù in vista di CrotoneCagliari, posticipo del lunedì della 22esima giornata di Serie B. Il tecnico Massimo Rastelli ha presentato il Monday night questo pomeriggio in conferenza stampa ad Asseminello.

 

Allo Scida il Cagliari si troverà di fronte il pubblico delle grandi occasioni. Rastelli si aspetta una gara spettacolare: «Sarebbe stato più insidioso affrontare l’ultima in classifica, queste sono partite che hanno le motivazioni già in se stesse. Le due squadre fino al 27 dicembre hanno dimostrato di essere le migliori, noi in linea con le aspettative e loro come grande sorpresa del campionato. Possiamo dire oggi che il Crotone è diventata una solida realtà, hanno acquisito consapevolezza e giocano molto bene. Ci sarà lo Scida pieno, ci sono tutti i presupposti per una bellissima gara».

 

NON SARÀ IL CROTONE DELL’ANDATA – «Oggi Storari e Sau dovrebbero rientrare in gruppo, valuterò fino all’ultimo se convocarli e poi eventualmente se impegnarli dal primo minuto. Rispetto alla partita di andata incontriamo una partita diversa, allora ci hanno dato filo da torcere fino al nostro vantaggio ma il 4-0 non deve ingannare. Il Crotone poi si è dimostrata squadra importante, va affrontata con grande attenzione. Dopo la sosta devi riprendere i ritmi, a dicembre anche se stanchissimi giravamo da soli. Ora è vero che abbiamo rifiatato, ma noi come le altre dobbiamo ritrovare il miglior ritmo di gara. Domani inizia un altro campionato, lo dissi già in passato. La sosta, il mercato e altre variabili presentano squadre diverse rispetto all’andata. Si azzera tutto e ci aspettano altre 21 battaglie, noi siamo davanti e abbiamo un piccolo margine che dobbiamo mantenere e spero incrementarlo».

 

MERCATO – «Cinelli? Con Capozucca avevamo messo in agenda due profili, è arrivato quello che poteva arrivare prima e meglio. L’assenza del capitano pesa, fortunatamente Munari ha dimostrato di sostituirlo alla grande ma il campionato è lungo e non possiamo rischiare di rimanere corti. Tello e Deiola sono importanti ma pur sempre giovani, un esperto in più ci fa comodo».

 

DOMANI LA PARTENZA PER CROTONE – «È un campionato bellissimo ma non c’è nulla di scontato, anche quando abbiamo stravinto abbiamo dovuto sudare fino alla fine. Sappiamo di avere un organico di qualità superiore, ma servono anche umiltà e abnegazione altrimenti non si va da nessuna parte. Domani per entrambe è importante fare risultato. Una vittoria non cambierebbe tanto ma incrementerebbe in modo sostanziale il vantaggio sulla terza. Per Crotone partiamo domani, sono state due settimane di preparazione e restiamo ad Assemini a preparare la gara fino a domattina. Da favoriti abbiamo peso e responsabilità superiori a tutte le altre, anche per questo abbiamo cercato di mettere nella rosa giocatori in grado di reggere questo peso. C’è stata una bella crescita del gruppo sotto questo profilo, abbiamo costruito la mentalità vittoria dopo vittoria. Soprattutto negli ultimi due mesi ho avvertito questo tipo di approccio mentale».

 

Dichiarazioni raccolte dal nostro inviato Sergio Cadeddu

Articolo precedente
Crotone, Juric alla vigilia: «Avrei preferito non fare la sosta, dobbiamo ripartire bene»
Prossimo articolo
Cagliari, i convocati di Rastelli: a Crotone con Sau e Storari