Sottil: «Ho voluto fortemente il Cagliari»

© foto Elena Accardi per CagliariNews24.com

Questo pomeriggio, nella sala stampa della Sardegna Arena, Riccardo Sottil e Gabriele Zappa si sono presentati ai media. Ecco le parole dell’ex viola

La sala stampa della Sardegna Arena questo pomeriggio ha ospitato la presentazione ai media di Riccardo Sottil e Gabriele Zappa, i due neo acquisti classe ’99 del Cagliari. Durante la conferenza i due giovani, già protagonisti delle video interviste realizzate dai microfoni ufficiali della società rossoblù, hanno risposto alle domande dei media. Di seguito le parole dell’esterno d’attacco ex Fiorentina.

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!

LA STAGIONE 20/21 E IL RUOLO – «Dovrà essere una stagione di grande crescita e sicuramente mister Di Francesco va a genio con i giovani e con lui potrò crescere. Non ho preferenza di fascia, son disposto a giocare sia a destra che a sinistra. Ho già ricoperto entrambe le fasce e son pronto per ciò che vuole il mister».

L’INFLUENZA DI PAPÀ SOTTIL – «La mia famiglia è scesa a Cagliari per starmi vicino in questo periodo. Mio padre ha fatto questo percorso prima di me ed è il mio primo maestro. Mi dà tanti consigli ma mi lascia la possibilità di crescere e decidere da solo della mia carriera».

RAPPORTO CON MISTER DI FRA – «Con il mister c’è stato subito un buon rapporto. Lo ritengo un ottimo mister anche perché sa relazionarsi bene con i giovani e sarà un guida fondamentale per me e tutti gli altri ragazzi che sono in squadra».

CONDIZIONE FISICA – «È stata una stagione particolare, non abbiamo avuto tanto tempo tra una stagione e l’altra quindi la condizione fisica non l’ho persa. In più son stato con la Nazionale, ho continuato ad allenarmi e mi sento bene e pronto per domenica».

OBIETTIVI E PUNTI DI FORZA – «Fare gol è sempre bello e per un attaccante è sempre speciale, spero di farne tanti. Il dribbling e la velocità sono i miei punti di forza, punterò molto su quello».

LA FIORENTINA E IL CAGLIARI – «Ciò che è stato con la Fiorentina ormai è passato, anche se ringrazio la società perché mi ha dato la possibilità di stare in pianta stabile con i grandi. Le dichiarazioni sul rientro alla Fiorentina? Io non le ho mai dette, mi sono arrabbiato quando è uscita quell’intervista, perché non ho mai pensato che Cagliari fosse un trampolino di lancio per rientrare alla viola. Quando mi è stato offerto di venire qui, io ho accettato perché volevo fortemente Cagliari e del futuro se ne parlerà più avanti. Io ora sono un giocatore del Cagliari e darà il massimo per questi colori e questa maglia».

LA CONOSCENZA DI CAGLIARI – «Ho parlato con Luca Pellegrini di Cagliari quando ero in Nazionale, ma credo che la città e la squadra non abbiano bisogno di presentazioni. Cagliari ha un pubblico speciale, molto affettuoso e sono contento di essere qua».

PARENTESI PESCARA E NUMERO DI MAGLIA – «Il Pescara mi ha dato tanto e mi ha aiutato a crescere come uomo e calciatore. È stata una piazza importante per me e non posso che ringraziare la società. Il numero di maglia? Non l’ho ancora scelto».