Cagliari, per la porta c’è anche Bardi

© foto www.imagephotoagency.it

Si fanno sempre più insistenti le voci che danno Michael Agazzi in procinto di lasciare il Cagliari. L’attuale numero uno rossoblù, in scadenza nel giugno 2014, aspetta di capire dove giocherà la prossima stagione. L’agente del giocatore, Bastianelli, non si è sbilanciato in merito alla partenza del suo assistito, ma è ormai risaputo il forte interesse della Fiorentina su di lui.

Per Agazzi, la possibilità di approdare nella squadra viola rappresenterebbe il salto di qualità, ma se dovesse restare in rossoblù non ne farebbe certo un dramma. Secondo quanto riporta il Corriere dello Sport, l’eventuale partenza di Agazzi consentirebbe al Cagliari di fare cassa in modo da riuscire a trattenere uno tra Astori e Nainggolan. 

Nel frattempo, la società rossoblù è alla ricerca di alternative nel caso il bergamasco dovesse partire. La prima ipotesi è quella di una soluzione interna, con la promozione di Avramov a titolare e il ruolo di secondo affidato al giovane Vigorito, riscattato proprio ieri dal Lumezzane insieme a Gallon (dal Savona).

Tuttavia, il Cagliari sta valutando altre piste: una è quella che porta ad Alberto Frison, già cercato in passato, ma quest’ultimo è stato riscattato qualche giorno fa dal Catania. Le altre portano invece ancora all’esperto Pegolo, reduce dalla retrocessione con il Siena, ma portiere di sicuro affidamento, mentre sul fronte delle scommesse il nome è quello del numero uno del Grosseto Lanni. Infine, l’ultimo nome in ordine di tempo è quello del giovane portiere del Novara e dell’Under 21 Bardi, di proprietà dell’Inter

In definitiva, tutto ruota intorno alla vicenda Agazzi e solo dopo l’eventuale cessione dell’attuale titolare si potranno intensificare i contatti con gli eventuali sostituti. Sempre secondo il CorSport, Il ds della Fiorentina Pradé avrebbe di fatto bloccato Agazzi, ma al momento la trattativa non decolla perché il club viola vuole prima risolvere la questione Viviano con il Palermo e nel frattempo rimane vigile sul francese Ruffier.

 

 

Articolo precedente
L’agente di Agazzi: “Chi lo vuole parli con Cellino”
Prossimo articolo
Is Arenas, il caso si sgonfia. Annullato l’obbligo di firma per Cellino