Trapani-Cagliari, i numeri della sfida del Provinciale

© foto www.imagephotoagency.it

Sfida importante e delicata quella in programma questo pomeriggio al Provinciale fra Trapani Cagliari per la 30^ giornata del campionato di Serie B. I rossoblu cercano di riprendere la marcia dopo la doppia battuta d’arresto con Cesena e Novara, i padroni di casa proveranno invece a dare continuità alla vittoria esterna di Pescara per alimentare il sogno playoff e tornare a conquistare quei punti che tra le mura amiche mancano dalla fine del girone d’andata.

 

PRECEDENTI – Trapani e Cagliari si affrontano per la seconda volta in terra siciliana, la terza in assoluto nella loro storia. I precedenti sono tutti relativi a questa stagione: le due squadre si sono infatti incontrate per la prima volta lo scorso agosto nel quarto turno di Coppa Italia, sfida decisa ai rigori in favore dei rossoblu dopo l’1-1 dei 120′ di gara e che ha visto come protagonista Marco Storari, con tre rigori parati tra tempi regolamentari e lotteria finale. L’unico precedente in campionato, invece, è quello relativo al girone d’andata, quando al Sant’Elia i padroni di casa si sono imposti con un netto 4-1. 

 

TRAPANI – La squadra di Cosmi è reduce dal successo strappato in extremis sul campo del Pescara che ha proiettato i siciliani a 4 punti dalla zona playoff. Una vittoria, quella contro gli abruzzesi, che ha ridato entusiasmo all’ambiente e sollevato notevolmente il morale dei granata, che oggi cercheranno di ritrovare un successo che al Provinciale manca dal 27 dicembre scorso – ultima giornata del girone d’andata – 1-0 al Bari. Nelle ultime 5 gare interne, dove in genere ha costruito le sue fortune, il Trapani ha conquistato 1 sola vittoria, 3 pareggi e 1 sconfitta. Diverso, invece, l’andamento in trasferta dove, dall’inizio del 2016, sono arrivate ben 3 vittorie: 3-0 a Lanciano, 2-0 a Perugia e 2-1 a Pescara. I granata dovranno stare attenti soprattutto in due momenti precisi della partita: nella fase centrale del primo tempo, tra il 16′ e il 30′, è infatti la squadra più vulnerabile del campionato, con 8 reti subite al pari di Como, Salernitana e Ascoli. Non meglio negli ultimi 15′ finali – momento invece favorevole al Cagliari – dove ha incassato ben 11 reti in 28 partite, record negativo insieme alla Salernitana.  

 

CAGLIARI – I rossoblu si presentano al Provinciale nel primo vero momento di appannamento della stagione. Mai prima d’ora erano infatti arrivate due sconfitte consecutive in campionato – contro Cesena Novara – e soprattutto la prima sconfitta al Sant’Elia che ha interrotto un’imbattibilità interna che, considerando anche l’ultima stagione di Serie B del 2003/04, durava da ben 29 partite, con un bilancio di 24 vittorie e 5 pareggi. Nonostante il doppio stop, il Cagliari arriva in Sicilia da primo della classe, con 1 punto di vantaggio sul Crotone e 12 sul terzo posto occupato dal Pescara. Per riprendere la marcia, tuttavia, Storari e compagni dovranno stare attenti ai cartellini: ben 4 delle 6 sconfitte subite in questa stagione sono infatti arrivate in situazioni di inferiorità numerica, un dato ulteriormente amplificato nelle ultime due giornate dalle tante assenze tra difesa e centrocampo. Un momento di appannamento certificato anche dall’insolita sterilità offensiva dei rossoblu, fin qui autentica macchina da gol con 52 reti segnate in 29 partite: il Cagliari infatti non segna in campionato da 209′. L’ultima rete è quella di Farias al 61′ della sfida con il Pescara del 20 febbraio scorso. Una sfida decisa dall’autogol di Lapadula al 67′, mentre nelle ultime due uscite i rossoblu sono rimasti a secco. 

 

TECNICI – Serse Cosmi e Massimo Rastelli si affrontano per la quinta volta in partite ufficiali. Nei 4 precedenti, il bilancio sorride all’allenatore del Cagliari con 1 vittoria – quella della sfida d’andata – e 3 pareggi, tutti per 1-1. Positiva anche la differenza reti, con 7 reti segnate per le squadre di Rastelli e 4 per quelle di Cosmi. Sono invece 12 i precedenti di Rastelli contro il Trapani: bilancio in leggero svantaggio per il tecnico rossoblu, che ha centrato 2 vittorie, 7 pareggi e 3 sconfitte, con i siciliani sempre a segno con ben 23 gol realizzati. Per Cosmi sono invece 6 i precedenti contro il Cagliari: magro il bottino del tecnico, che ha centrato 1 solo successo a fronte di 1 pareggio e 4 vittorie dei sardi, sempre a segno per un totale di 15 gol all’attivo. 

 

 

 

 

Articolo precedente
Trapani-Cagliari, le probabili formazioni
Prossimo articolo
Cagliari, Farias a caccia della presenza numero 100 in Serie B