SALA STAMPA – Rastelli: «Possiamo solo migliorare, Sau e Borriello si integrano perfettamente»

© foto www.imagephotoagency.it

L’esordio ufficiale del suo nuovo Cagliari non poteva andare in modo migliore. Massimo Rastelli è soddisfatto della prova dei suoi in Coppa Italia, che hanno eliminato la Spal con un netto 5-1. Il tecnico rossoblù ha parlato a fine partite nella sala stampa del Sant’Elia: «Ci siamo fatti sorprendere su alcune verticalizzazioni che avevamo anche visto. Ma ci può stare, siamo all’inizio, dobbiamo migliorare alcune letture. Abbiamo iniziato a lavorare da poco con questo sistema e qualche sbavatura l’avevo messa in conto. Poi ci siamo sciolti e abbiamo anche giocato bene, sbloccando la gara e chiudendola già a fine primo tempo. Poi nella ripresa Borriello ha segnato due gol di pregevole fattura, soprattutto il secondo. Quello che mi interessava stasera era dare minutaggio ai vari Bruno Alves, Isla e Borriello. Con la difesa a 3 ci abbiamo lavorato una settimana, il giorno prima della gara con l’Amburgo. In ritiro senza Bruno Alves, Ceppitelli non al meglio e Isla non c’è stata occasione. C’è bisogno solo di giocare, con il passare delle settimane possiamo solo migliorare. L’ho già detto, giocheremo così anche a Genova, anche per come è messo in campo il Genoa. Poi non abbiamo i trequartisti, anche se recuperiamo Joao Pedro non sarà nelle condizioni per scendere dall’inizio. La partita con l’Amburgo e quella di oggi sono state due allenamenti per migliorare i meccanismi. Si sono viste cose molto positive. Per caratteristiche fisiche Sau e Borriello si integrano perfettamente. Uno brevilineo, l’altro forte fisicamente, poi entrambi sanno giocare a calcio, palla a terra e parlano la stessa lingua. Già negli allenamenti avevo visto come si cercavano e oggi l’hanno dimostrato, sono due grandi giocatori come Farias, Joao Pedro, Giannetti e quando tornerà Melchiorri. Ho a disposizione una bella batteria di attaccanti, poi di settimana in settimana sceglierò chi schierare anche in base alla partita. Il nostro obiettivo primario quest’anno sarà mantenere la categoria e salvarci, quando raggiungeremo i 40 punti vedremo dove possiamo arrivare».

 

 

Articolo precedente
Cagliari-Spal, le pagelle: Borriello incontenibile
Prossimo articolo
Vagnati (ds Spal): «La qualità del Cagliari ci ha punito, risultato pesante»