Connettiti con noi

Editoriale

Perisic da MVP, ma fuori tempo e fuori luogo

Pubblicato

su

Ivan Perisic dimostra di essere in condizioni strepitose sul campo ma le parole al di fuori fanno rumore nel momento peggiore

Non c’è che dire, Ivan Perisic è in questo momento uno tra i migliori giocatori in assoluto della Serie A. La sua crescita è stata esponenziale negli ultimi mesi e la prestazione nella finale di Coppa Italia si è rivelata la punta (forse) dell’iceberg.

La doppietta che ha consegnato il trofeo all’Inter entra di diritto nel cuore dei tifosi, non soltanto per aver battuto e costretto agli “zero tituli” gli odiati rivali bianconeri. A fine gara, però, ecco la stilettata che non ti aspetti: «Rinnovo? Vediamo…Ma con i giocatori importanti non si attende così tanto fino all’ultimo momento».

Una bordata a Marotta e alla dirigenza nerazzurra, fuori tempo e fuori luogo per chi si aspettava solo parole di gioia dopo il successo. Sarebbe bastato mettere sul piatto frasi di circostanza e attendere momenti più consoni per esternare il proprio pensiero. Un campionato da Most Valuable Player non dà credito sufficiente per sbagliare così pesantemente i modi, oltretutto in piena lotta Scudetto.

Il tempo per ricucire c’è, sia chiaro, ma l’offerta del Biscione difficilmente andrà oltre i 4.5 milioni per due stagioni, cifra più che degna per un trentatreenne, per quanto straordinario. Le sirene straniere (Newcastle in primis) però risuonano con costanza e allora sarà il cuore del croato a fare la differenza. Se batte forte ancora per l’Inter, saprà accontentarsi.

Advertisement