Numeri rossoblù: a Lykogiannis la 22 di Borriello, Ceter sceglie la 24

lykogiannis
© foto CagliariNews24.com

I due nuovi acquisti Charalampos Lykogiannis e Damir Ceter hanno scelto rispettivamente i numeri 22 e 24. Ecco la storia delle due maglia rossoblù

In attesa di scendere in campo, i due nuovi acquisti del Cagliari hanno scelto i loro numeri di maglia. L’esterno greco Charalampos Lykogiannis indosserà la 22. Il centravanti colombiano Damir Ceter la 24. Due numeri particolari, a cui sono legati parecchie meteore rossoblù. Entrambi hanno potuto sfoggiarli già durante le rispettive presentazioni ad inizio settimana.

LYKOGIANNIS 22 – La maglia numero 22 è rimasta libera per i primi sei mesi di questa stagione. In realtà era stata indossata ad agosto da Marco Borriello nella gara di Coppa Italia vinta dal Cagliari contro il Palermo ai rigori. L’ex bomber rossoblù – autore di 16 gol nello scorso campionato – decise poi (com’è noto) di trasferirsi alla Spal. Lykogiannis, che allo Sturm Graz vestiva la 14, ha optato per il 22, anche perché la scelta non era molto vasta. Nella storia del calcio la 22 è stata spesso associata al terzo portiere. Nelle competizioni internazionali, una volta i convocati erano proprio 22 e l’ultimo numero toccava appunto al terzo portiere. Da quando è stata introdotta la numerazione fissa per i club, il Cagliari ha affidato inizialmente questa maglia proprio a degli estremi difensori: Pierfilippo Carafagna (1997/98), Antonio Castelli (1998/99) e Daniele Corsi (1999/2000). Tutte terze scelte, come da tradizione. Dal 2000 al 2004, invece, è passata sulle spalle del centrocampista sardo Sebastiano Pinna. Ma tra i 22 rossoblù si ricordano soprattutto terzi portieri, come Alex Brunner (2004/05), Luca Tomasig (2005/06), Mauro Vigorito (2011/12) e il più recente Roberto Colombo (2015/16). Portiere, ma titolare, Federico Marchetti, numero 22 dal 2008 al 2011, prima di andarsene alla Lazio tra le polemiche con l’allora presidente Cellino. Prima di Marchetti, fu indossata dal difensore uruguaiano Joe Bizera (2006/07) e dalla meteora portoghese Vitor Gomes (2008). Matias Cabrera la portò per una stagione e mezzo (dal 2012 al 2014), prima di essere scambiato per Joao Pedro e finire in Portogallo. La stagione seguente (2014/15) il numero passò in eredità all’infortunato Daniele Giorico e all’oggetto misterioso ceco Josef Husbauer.

CagliariNews24.com

CETER 24 – Damir Ceter, oltre ad essere il terzo colombiano della storia del Cagliari (prima di lui Ibarbo e Tello), è anche il secondo attaccante rossoblù a vestire la maglia numero 24. Il primo ad indossarla fu un altro sudamericano e attaccante come lui: l’uruguaiano Luis Alberto Romero. L’esperienza sarda non fu proprio fortunata. Nel 1996/97 non segnò neanche un gol in 10 partite. Ceter proverà a fare di meglio. La prima stagione rossoblù del difensore francese François Modesto fu invece positiva, proprio con la 22 sulle spalle. Rimarrà in Sardegna fino al 2004, ma cambiando numeri (17 e 4). Decisamente meno indelebile il segno lasciato dal difensore Alessandro Orlando nel 2000/01 e giunto a Cagliari a fine carriera. Giocò appena 8 partite. Furono 22 le presenze dell’argentino Mauricio Pineda nel 2002/03. La stagione successiva passò sulle spalle di Marcello Albino, centrocampista come Alessandro Conticchio (2005/06), Antonino D’Agostino (2006/07) e la meteora svizzera Rijat Shala (2007/08). Dal 2008 al 2010 fu scelta dal secondo portiere Cristiano Lupatelli, mentre dal 2010 al 2014 è stato il numero di Gabirele Perico. Il Pereg – come lo chiamavano scherzosamente i compagni – è stato il giocatore che ha tenuto la 24 per più tempo nella storia del Cagliari. Dopo il suo addio, fu indossata prima da Simone Benedetti (2014) e poi da Marco Capuano (dal 2015). Con la cessione di quest’ultimo al Crotone, la 24 è tornata ad essere libera fino all’arrivo di Damir Ceter, che aveva lo stesso numero nell’Independiente Santa Fe.

CagliariNews24.com
Articolo precedente
Crotone, Sampirisi: «Cagliari forte, pensiamo a fare la nostra gara»
Prossimo articolo
sau cagliariCagliari, Sau torna in gruppo. Ancora out van der Wiel