Connettiti con noi

Editoriale

Juve zero tituli, Inter a mille: l’errore di Max, il ballo di Simone

Pubblicato

su

La finale di Coppa Italia premia l’Inter di Inzaghi e condanna la Juve di Allegri a una stagione fallimentare da zero tituli in bacheca

C’era una volta la Juve dominante che sapeva catalizzare titoli in campo nazionale con puntualità svizzera. Dopo più di un decennio di grandi trionfi, ecco il punto più basso della storia recente bianconera con quella sentenza “zero tituli” a pesare come un macigno su bilanci e giudizi. Una disfatta su tutta la linea, con l’aggravante delle due finali perse proprie contro la rivale più odiata. 

La Coppa Italia finisce dunque nelle mani dell’Inter di Simone Inzaghi che potrà così affrontare con rinnovata carica e fiducia il (doppio) giro di valzer finale che varrà lo Scudetto, ben sapendo che, senza Tricolore sul petto, i rimpianti sarebbero comunque enormi al netto dei due trofei in bacheca.

Una vittoria nel complesso meritata e riconosciuta dagli stessi Max Allegri e Giorgio Chiellini, quest’ultimo al passo d’addio verso i colori bianconeri. E proprio sul tecnico toscano pendono alcuni capi d’imputazione, a cominciare dalla gestione dei cambi un po’ confusionaria e frettolosa.

Ribaltata la partita in un lampo di coraggio e vivacità, l’arrocco sulla difesa a cinque non ha pagato. I nerazzurri hanno infatti guadagnato campo e ritrovato fiducia, pescando dagli undici metri i gol della vittoria e adagiandosi sulle spalle larghe di un Perisic ancora una volta sontuoso sul prato verde, ma stavolta molto meno davanti ai microfoni. Il suo affondo sul mancato rinnovo di contratto fuori tempo e fuori luogo come poche altre cose nella vita.

Occasioni per rimediare in ogni caso ce ne saranno ancora per Beppe Marotta e soci, non invece per la Vecchia Signora che non viveva un’annata così nefasta dai tempi di Gigi Delneri. Insomma, tempi bui per un Allegri che addirittura peggiora le performance dei (troppo) vituperati Sarri e Pirlo. La parola fallimento non piacerà, ma è difficile definire diversamente il percorso della Juve nelle ultime stagioni.

Advertisement