Dessena o Joao Pedro: ballottaggio a centrocampo per sostituire Barella

dessena cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Per la prima volta dall’inizio della stagione, il Cagliari dovrà rinunciare a Nicolò Barella. Joao Pedro e Daniele Dessena sono i principali candidati per sostituire il centrocampista squalificato contro la Sampdoria

Il giallo rimediato a Bologna da Nicolò Barella pesa nelle scelte di formazione del Cagliari. Si trattava, infatti, della quinta ammonizione stagionale che costringeranno il centrocampista classe 1997 ad osservare un turno di squalifica contro la Sampdoria. Né RastelliLopez avevano finora fatto a meno di lui, ormai imprescindibile nell’undici rossoblù. Quindici volte su quindici è partito titolare, venendo sostituito prima del 90′ solamente tre volte. A 20 anni si è già preso il Cagliari e la sua assenza, in vista della gara di sabato, sarà una bella gatta da pelare per mister Diego Lopez. Le principali alternative per sostituirlo sono due: Daniele Dessena e Joao Pedro.

DESSENA – La scelta più logica e razionale vede l’inserimento nel 3-5-2 del capitano del Cagliari. In campionato è partito titolare solamente quattro volte, ma il tecnico uruguaiano l’ha spesso mandato in campo nei finali di gara per difendere il risultato. Non ha la qualità di Barella, ma nessuno per caratteristiche in rosa potrebbe sostituirlo per tutto ciò che fa durante la gara. Dessena può dare tanto in fase difensiva, lasciando più libero Artur Ionita di spingere dalla parte opposta.

JOAO PEDRO – «Joao Pedro al posto di Barella? Questo è presto per dirlo, ma è una delle opzioni». L’ha ammesso lo stesso Lopez ai nostri microfoni al termine di Bologna-Cagliari. Nelle prime partite della sua gestione, il brasiliano aveva occupato quel ruolo senza brillare. Decisamente meglio in appoggio alla punta, dove è riuscito ad andare in gol nelle ultime due trasferte (Udinese e Bologna). L’esperimento mezzala però non è stato accantonato, anzi. Lo si è visto per 45′ in Coppa Italia (con esiti negativi) e probabilmente tornerà a vedersi. Se contro la Samp il tecnico vorrà una squadra più offensiva e con più qualità, allora le strade portano al numero 10 di Ipatinga. Non ha nelle caratteristiche principali l’interdizione di Barella, ma in fase offensiva può dare sicuramente quel qualcosa in più. Anche se allontanare dalla porta il capocannoniere rossoblù potrebbe risultare deleterio. Se Joao tornerà a giocare a centrocampo, uno tra Sau e Farias andrà ad affiancare Pavoletti in avanti.

GLI ALTRI – Ovviamente Dessena e Joao Pedro non sono le uniche due frecce a disposizione. In rosa c’è un altro centrocampista come Alessandro Deiola, anche se finora ha faticato a ritagliarsi spazio (appena 34 minuti in campionato) e per quantità e qualità sembra indietro ai due già citati. Difficile vedere Andrea Cossu dall’inizio. L’ex Olbia ha faticato a giocare regista contro il Pordenone e da mezzala offensiva o in posizione più avanzata dal 1′ non sembrerebbe fare al caso del Cagliari per una partita delicata come quella contro la Sampdoria. Da mezzala potrebbe agire anche Simone Padoin, ma in quel caso il dubbio più grande sorge sull’eventuale impiego sulla fascia di uno tra Senna Miangue e Gregory van der Wiel. In Coppa Italia, il belga è parso troppo acerbo, l’olandese ancora lontano dalla migliore condizione. La squalifica di Barella rischia di mettere ancora più in evidenza una panchina corta e non all’altezza dei titolari.

Articolo precedente
rafaelCagliari, ripresa degli allenamenti: si ferma Rafael
Prossimo articolo
giampaoloSampdoria, ieri la ripresa in vista di Cagliari