Dessena: “Il Cagliari conta più di ogni rivalità. Siamo tutti titolari”

© foto www.imagephotoagency.it

Il Cagliari prima di tutto. Daniele Dessena non ama stare sotto la luce dei riflettori, ma la sua dedizione al la maglia rossoblu è da sardo puro. Anche quest’anno, dopo aver festggiato la sua permanenza in Sardegna dopo essere tornato nel gennaio della scorsa stagione, sta dando il suo prezioso apporto grazie alle carateristiche che hanno da smepre fatto uno dei giocatori italiani migliori in prospettiva. Ma per lui la priorità è un’altra: “In un gruppo come il nostro, così solido, così bello, così forte, siamo sempre tutti protagonisti. Poi è chiaro che uno vorrebbe giocare sempre. Ma il Cagliari viene prima di tutto. Poi, ripeto, c’è talmente tanta sintonia tra noi che non ha importanza chi entra o chi esce. E lo staff tecnico ci mette nelle condizioni di rendere al meglio in qualsiasi momento. La rivalità non è un problema, qui siamo tutti titolari“, le parole riportate sulle colonne de L’Unione Sarda, a margine della presenza del giocatore emiliano alla scuola media di San Gavino per l’iniziativa “Lo stadio dei bambini”.

A centrocampo, deve fare i conti con un’agguerrita concorrenza, soprattutto con lo svedese Albin Ekdal. Tuttavia, come ribadito dal giocatore stesso, non c’è alcuna forma di rivelità all’interno dello spogliatoio. Anche alla vigilia di una partita importante come quella contro la Sampdoria: “Ma tutte le prossime tre partite sono fondamentali. Vogliamo migliorare la classifica e allungare la striscia positiva“.

Sulla situazione che ha coinvolto il presidente Massimo Cellino, Dessena si esprime così: “Ciò che è successo al nostro presidente e la questione stadio un po’ ci destabilizzano, questo è innegabile. Dispiace poi perché tutti sanno quanto Cellino tenga alla squadra e alla città. Noi, ogni volta scendiamo in campo, cerchiamo di isolarci, anche se non semplice“, conclude il numero 21 rossoblu.

Articolo precedente
Is Arenas, vertice in sede: cauto ottimismo in ottica Fiorentina
Prossimo articolo
Verso il Bologna: Sau a rischio, mattinata di test