Dessena: «Cagliari, è difficile stare fuori ma il gruppo è splendido»

© foto www.imagephotoagency.it

Costretto a guardare le partite del suo Cagliari da fuori, Daniele Dessena lavora con pazienza per recuperare dal brutto infortunio di Brescia ma non fa mai mancare il suo supporto ai compagni. Intervenuto ai microfoni di Sportitalia, il numero 4 rossoblù, che ha lasciato la fascia di capitano a Storari, non ha nascosto il suo disappunto per la lontananza dal campo: «Stare lontano da Cagliari è difficile, soprattutto per il legame che ho con i compagni e la città. Purtroppo è arrivato questo brutto infortunio dopo una stagione nera come quella passata, finita con la retrocessione. Ormai a Cagliari c’è la mia vita, non vedo l’ora di rientrare. Fino ad ora non mi erano mai capitati infortuni così gravi, dopo i primi brutti pensieri ho capito però di essere fortunato perché faccio il mestiere più bello del mondo e vivo nella città più bella del mondo. Coly dopo il fattaccio è venuto a trovarmi in ospedale, purtroppo sono cose che succedono e io gli ho consigliato di tornare a casa e leggere un libro per non avvertire il tam tam mediatico che in quei giorni lo stava investendo».
Il grintoso centrocampista però preferisce guardare avanti e confida nella forza del gruppo Cagliari per avere ragione di una categoria che presenta tante insidie: «Non è mai facile vincere le partite, figuriamoci i campionati. Abbiamo una grande squadra e lo sappiamo, come sappiamo che le partite vanno sempre giocate e non sono mai scontate. Il presidente Giulini e il direttore sportivo Capozucca hanno lavorato bene, creando una bella squadra e un grande gruppo. Senza un gruppo compatto è impossibile inseguire obiettivi importanti».

Articolo precedente
Barella: «Ho scelto Como per dimostrare di meritare la maglia del Cagliari»
Prossimo articolo
CdS – Cagliari, via Cragno? C’è Rafael