Como-Cagliari, Cuoghi: «Soddisfatto del gioco, vorrei sempre questa cattiveria»

© foto www.imagephotoagency.it

Al termine di Como-Cagliari si è presentato nella sala stampa del Sinigaglia il tecnico dei lariani Stefano Cuoghi, che si è mostrato soddisfatto per la gara odierna ma contemporaneamente rammaricato per la posizione di classifica: «A parte i primi 10 minuti in cui c’era troppo campo per loro ci siamo messi bene, abbiamo fatto tanti minuti in maniera eccellente. Abbiamo subìto molto, potevamo perdere ma anche vincere: abbiamo creato cinque palle nitide da gol. Da questo punto di vista si è soddisfatti però il rammarico è ancora più grande perché vedere che questa squadra può fare un determinato gioco e vederla in fondo alla classifica fa venire ancora più rabbia.Oggi penso che ci potessero staree tutti i risultati, la nostra squadra ha espresso anche un buon gioco, è chiaro che noi probabilmente dipendiamo da tre-quattro giocatori e che se non sono in una buona condizione diventa tutto un pochino più complicato, però direi che come sviluppo della manovra abbiamo fatto delle ottime cose. Basha non stava bene ma ha voluto provare, Cech ha sentito un dolore dopo il contrasto sulla fascia. Sono due giocatori importanti che stanno facendo bene, specialmente Cech, mi dispiace per loro, speriamo che siano recuperabili per sabato. Non è certo mancata la cattiveria, la rabbia deriva anche da quello: probabilmente nelle precedenti uscite non sono riuscito a trasmettere alla squadra la cattiveria giusta, come invece è successo oggi. Cristiani è l’unico giocatore che conoscevo, so le qualità che ha e sono certo che di centrocampisti come lui in Serie B ce ne sono pochi. Scuffet è grande e grosso, deve essere più sfrontato. Deve dare continuità alla prestazione del secondo tempo, dove ha fatto tre-quattro uscite ed ha tolto problemi alla squadra, deve essere più convinto di sé stesso. Per quello che ho visto in queste prime sei partite il Como è una squadra che affronta ad armi pari gli avversari, una squadra che ogni partita crea le sue palle gol, ne subisce secondo me troppe: qui si deve lavorare su certi meccanismi. Nel complesso è una squadra che mi dà soddisfazioni e mi fa arrabbiare tantissimo, e questo è un elogio: mi arrabbio perché non sempre vengono fuori le qualità della squadra. Lanini? Ha fatto una ottima prova, ha avuto due tre opportunità per far gol, in una è stato bravissimo Storari».

Articolo precedente
Cagliari, Deiola: «Puniti all’unico errore. Ora testa al Lanciano»
Prossimo articolo
Giannetti resta calmo: «Ci stiamo guadagnando la Serie A»