Cesena 2-0 Cagliari: le pagelle dei rossoblu

© foto www.imagephotoagency.it

Si interrompe dopo 5 vittorie consecutive la corsa del Cagliari, uscito sconfitto dall’anticipo del Manuzzi con il Cesena che ha aperto la 28^ giornata del campionato di Serie B. Una sconfitta meritata per i rossoblu, entrati in campo con un atteggiamento sbagliato e in balìa dell’avversario per lunghi tratti del match. Un match caratterizzato anche da diversi episodi negativi per il Cagliari: nel finale del primo tempo Giannetti prima si procura un rigore che si fa parare da Gomis, poi centra la traversa poco dopo. Nella ripresa, Storari è decisivo nel tenere in partita i suoi, Murru – tra i peggiori in campo insieme a Cinelli – combina invece la frittata trovando un’espulsione che lascia la squadra in dieci esponendola ulteriormente alla pericolosità del Cesena. 

 

Storari 7: Sempre attento sui pericoli portati dagli attaccanti avversari. Un paio di interventi importanti nel primo tempo, nella ripresa tiene in partita i suoi superandosi sul colpo di testa ravvicinato di Djuric.

Pisacane 5: In grande difficoltà sugli attacchi di Falco e gli inserimenti di Kessie. Rimane troppo stretto sulla linea difensiva concedendo troppo campo agli avversari. Non a caso da un cross dell’esterno bianconero arriva il vantaggio del Cesena.
Salamon 5: Serata di grande difficoltà anche per lui. In costante apprensione contro avversari rapidi e vivaci, è costretto a una gara di estrema sofferenza.
Krajnc 5,5: Qualcosa in più rispetto ai compagni di reparto. Si salva in un paio di occasioni, sfortunato nella deviazione che favorisce il gol di Sensi.
Murru 4,5: Anche lui in perenne difficoltà sulle discese degli instancabili esterni romagnoli. Certo, i compagni non gli danno una grande mano, ma si lascia infilare troppo facilmente e fa grande fatica anche nelle chiusure difensive. Il rosso per doppia ammonizione mette fine in anticipo a una serata da dimenticare lasciando i compagni esposti a ulteriore sofferenza.
Cinelli 4,5: Altra prestazione negativa dopo quella col Pescara. Sovrastato dalla fisicità e dalla corsa di Kessie perde il duello a centrocampo e non riesce a dare supporto all’azione difensiva lasciando scoperta la zona destra. Come se non bastasse, il cartellino giallo rimediato nella ripresa gli costerà la squalifica in un centrocampo che in vista di Novara si prospetta ridotto all’osso.
Fossati 5: Anche per lui arriva un’altra brutta prestazione dopo quella con il Pescara. Manca il supporto alla fase difensiva, dove Murru è spesso lasciato solo, così come in fase di costruzione. (Dal 67′) Sau 5: Entra in un momento complicato per i rossoblu, ma il suo ingresso non cambia di certo gli equilibri in campo.
Munari 6: Poco più di un quarto d’ora prima di lasciare per problemi fisici. Fino ad allora risulta prezioso in fase di interdizione e a supporto della difesa. (Dal 17′) Colombatto 5: Spaesato in un centrocampo che fa enorme fatica ad arginare la velocità e la foga degli avversari. I tanti errori sulla classica giocata in verticale sono l’emblema della sua gara.
Joao Pedro 6: Si accende a sprazzi, specie nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo, dove si rende pericoloso servendo bene Giannetti. 
Melchiorri 5,5: La solita generosità nel lottare con i difensori avversari senza risparmiarsi, ma questa sera non riesce mai a rendersi pericoloso.
Giannetti 6: Nel primo tempo suona la sveglia con un colpo di testa che finisce di poco fuori. Fa e disfa procurandosi un calcio di rigore che poi fallisce e poco dopo va vicino al pareggio con una conclusione che coglie la traversa piena. (Dal 71′) Balzano 5,5: Impatto non facile in una gara complicata e per di più contro avversari sempre pericolosi.
 
Rastelli 5,5: Nonostante si sgoli in panchina, non riesce a dare la scossa alla squadra. L’atteggiamento dei suoi è completamente sbagliato, e le sostituzioni forzate non gli consentono di cambiare l’inerzia della gara. 
Articolo precedente
Cesena, Sensi: «Concesso poco al Cagliari, in B nessuno è imbattibile»
Prossimo articolo
Dessena: «Lasciamo stare i record, siamo arrabbiati e dobbiamo reagire per tornare in A»