Cagliari-Inter, le pagelle: non basta una buona prestazione rossoblù

© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Cagliari-Inter

L’Inter vince 3-1 a Cagliari, nonostante una buona prestazione dei rossoblù di Diego Lopez. Pavoletti illude, ma i nerazzurri sono più concreti, sfruttano le occasioni e portano a casa i tre punti, espugnando la Sardegna Arena.

Le pagelle del Cagliari

Rafael 5.5: L’Inter tira poco ma segna. Avrebbe potuto fare qualcosa in più su tutti i gol dell’Inter.

Romagna 6: Non si lascia intimorire dall’attacco della seconda forza del campionato. Sufficiente nonostante la sconfitta.

Ceppitelli 6: Ferma Icardi come può, anche con le cattive.

Andreolli 5.5: I gol arrivano dalla sua parte. Tiene in gioco Candreva in occasione del raddoppio.

Faragò 6.5: Sulla destra è un treno sforna cross. Manda in difficoltà l’Inter e nel secondo tempo serve il terzo assist stagionale per il terzo gol di Pavoletti.

Barella 6.5: Una certezza, non una sorpresa. Manda in difficoltà il centrocampo dell’Inter e cerca spesso e volentieri la conclusione da fuori.

Cigarini 6: Bene nel primo tempo, nonostante la pressione di Borja Valero, anche se lo spagnolo ha dovuto cambiare posizione a gara in corso. Nella ripresa fatica con Brozovic (e la stanchezza) addosso.

Ionita 6: Fisico e quantità in mezzo al campo. Contribuisce all’ottimo primo tempo giocato dal Cagliari. (Dal 63’ Farias 5: Non spacca la gara come dovrebbe e fallisce il gol del possibile 2-2).

Padoin 5: Fatica ad accompagnare l’azione sulla sua fascia. In fase difensiva è spesso fuori posizione, troppo stretto e non è un caso se i tre gol nerazzurri sono nati dalla sua parte.

Joao Pedro 6: Da attaccante ha meno possibilità di svariare, ma si rende comunque pericoloso. Torna a fare la mezzala nel secondo tempo, calando inevitabilmente. (Dall’81’ Cossu s.v.).

Pavoletti 6.5: Un super Handanovic gli nega il gol nel primo tempo. Accorcia inutilmente le distanze nella ripresa, come sempre, su assist di Faragò. (Dall’87’ Giannetti s.v.).

Lopez 6.5: Nonostante il risultato, si è visto uno dei migliori Cagliari della stagione. I rossoblù sono partiti a mille, dominando i primi venti minuti. La squadra paga il fatto di non aver segnato nel momento migliore della gara, subendo invece alla prima occasione avversaria.


Le pagelle dell’Inter

Handanovic 7: Evita il vantaggio del Cagliari con più di un miracolo su Pavoletti. Se l’Inter non va sotto il merito è soprattutto suo.

D’Ambrosio 6.5: Gioca una buona gara, approfittando anche del fatto che dalla sua parte Padoin non si vede quasi mai. Da uno suo cross nasce il 3-1.

Miranda 6: Dormita generale sul gol di Pavoletti. Soffre la fisicità dell’attaccante rossoblù.

Skriniar 6: Come Miranda, è fuori posizione in occasione del gol di Pavoletti.

Santon 6: Seconda da titolare consecutiva per lui, ma con qualche difficoltà contro Faragò. Strappa comunque la sufficienza.

Gagliardini 6: Tanta quantità in mezzo al campo. Si vede poco, soprattutto nel primo tempo quando il Cagliari domina in mezzo al campo.

Vecino 6: L’ex della gara si fa vedere poco, ma garantisce fisicità al centrocampo nerazzurro. (Dal 53′ Brozovic 6.5: Entra e segna. In fase di non possesso va a disturbare Cigarini).

Candreva 6.5: I primi due gol arrivano da suoi altrettanti cross. Sempre pericoloso sulla destra. (Dall’86’ Cancelo s.v.).

Borja Valero 6: Spalletti lo manda prima a disturbare Cigarini, poi lo sposta in mezzo al campo per permettere alla squadra di uscire dalle difficoltà del primo tempo. Diventa regista con l’ingresso di Brozovic nella ripresa.

Perisic 6.5: Pericolosissimo sulla sua fascia, il suo tocco in area permette a Icardi si segnare il gol che sblocca la partita.

Icardi 7: Rapace e opportunista. Segna due gol dal nulla e manda l’Inter in testa alla classifica per una notte. (Dal 93′ Eder s.v.).

Spalletti 6.5: Non è un’Inter bella. Non è un’Inter spettacolare. Ma è un’Inter estremamente cinica e concreta, che alla prima occasione segna e si porta a casa i tre punti che permettono ai nerazzurri di godersi momentaneamente la testa della classifica.

Articolo precedente
Inter, Icardi: «Un altro esame superato, ma non abbiamo giocato bene»
Prossimo articolo
spallettiSpalletti: «Il Cagliari è partito forte, poi l’Inter è cresciuta»