Il Cagliari e l’incastro mancante, di nuovo

© foto www.imagephotoagency.it

Arrivato al Cagliari appositamente per sostituire Castro, Valter Birsa sarà indisponibile per almeno un mese. Nuovo nodo trequartista per Rolando Maran

Il lungo corteggiamento estivo alla fine aveva portato alle nozze, con Lucas Castro che ritrovava Rolando Maran anche a Cagliari dopo le esperienze di Catania e Verona. Esperienza, quella rossoblù, iniziata non esattamente nel migliore dei modi. Da mezzala Castro aveva messo in mostra un passo inadatto ed una condizione fisica approssimativa, migliorata settimana dopo settimana. Poi il cambio di ruolo, con l’argentino che è andato a suggerire ed ispirare le due punte. La svolta per il Cagliari di Maran, che aveva iniziato a macinare e per qualche gara aveva messo in mostra un calcio piacevole e organizzato. Il crack del crociato del Pata ha sconvolto improvvisamente i piani proprio sul più bello, quando c’era la sensazione che il Cagliari stesse prendendo definitivamente forma. Che il puzzle fosse completo, che si fosse trovato l’incastro. O, meglio, l’inCastro. Il campionato del Cagliari, finora, si può dividere grossolanamente in due fasi: con Castro e senza Castro. All’infortunio del centrocampista di La Plata sono seguiti alcuni adattamenti tattici, soprattutto con l’avanzamento nella trequarti di Barella e Ionita, ed un’emorragia di risultati che è difficile non accostare alla mancanza del Pata.

A gennaio il club isolano è andato di nuovo a bussare alla porta del Chievo, obiettivo Valter Birsa. Lo sloveno conosce bene i dettami maraniani e appariva l’alternativa ideale all’ex compagno in terra veneta. Nemmeno il tempo di calarsi appieno nella parte, però. Perchè evidentemente la sfortuna non è d’accordo con i piani dei rossoblù: Birsa fa in tempo a racimolare appena 120’. Quattro apparizioni, dall’esordio in rossoblù nel match di Coppa Italia contro l’Atalanta alla sfida di campionato contro gli stessi nerazzurri di Gasperini di lunedì sera. Una manciata di minuti dopo il fischio d’inizio, un contrasto fortuito lo ha costretto dolorante al suolo e qualche giro d’orologio dopo Birsa ha dovuto lasciare il campo. Gli esami hanno evidenziato una frattura composta di ulna e radio dell’avambraccio sinistro. Altra tegola in casa Cagliari. Proprio nel ruolo che più di tutti aveva bisogno di essere rinforzato e che, per almeno un mese, non avrà un interprete naturale. Maran dovrà, di nuovo, costruire il Cagliari senza il giusto pezzo del puzzle. Proprio quando, dopo l’infortunio del Pata, il club aveva cercato e trovato il suo sostituto, un nuovo incastro nel puzzle rossoblù. Senza la C maiuscola e forse meno suggestivo, ma altrettanto efficace nella realtà di campo.