Cagliari, l’importanza di vincere a Bologna

pavoletti
© foto www.imagephotoagency.it

Bologna-Cagliari rappresenta un nodo cruciale nella stagione della squadra di Maran: la chance di piazzare l’allungo decisivo non va buttata

La vittoria sull’Inter di venerdì ha dato una carica positiva all’ambiente rossoblù. Una carica che però deve tradursi in fame e voglia, non in appagamento. Bologna-Cagliari (ore 12.30, stadio Dall’Ara), dopo il successo sui nerazzurri, diventa paradossalmente ancora più importante. Perché ora, già a marzo, la squadra di Maran può chiudere i conti salvezza. Per la matematica è ancora presto, ma attualmente sono 9 i punti che separano i sardi dagli emiliani, terzultimi in classifica e prima squadra retrocessa se la stagione dovesse finire oggi. Il Cagliari non deve accontentarsi del pari, ma provare a mettere in campo la stessa prestazione vista pochi giorni fa alla Sardegna Arena. Andare a +12 (13 virtuali con il vantaggio negli scontri diretti) a undici giornate dalla fine del campionato, con al momento altre tre squadre in mezzo, rappresenterebbe una grossa fetta di salvezza. Per fare i conti bisognerà poi vedere cosa farà il Frosinone, penultimo, a -1 dai bolognesi e che domenica alle 15 riceve in casa il Torino.

LE INSIDIE – Facile non sarà facile. Anzi, domenica sarà probabilmente più complicato che battere l’Inter. Le insidie sono dietro l’angolo, tra un possibile appagamento e il pensiero di accontentarsi di un pari. Non sarebbe da buttare via un punto, che permetterebbe a Pavoletti e compagni di restare a +9 con il vantaggio degli scontri diretti (all’andata finì 2-0). La chance di poter ipotecare l’obiettivo e guardare più in alto che in basso però è troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire. Dall’altra parte però c’è un Bologna affamato e agguerrito, che con Mihajlovic ha trovato lo giusto spirito per uscire dai bassi fondi. Ci sarà rabbia e voglia di riscatto dopo la sconfitta nello scontro diretto contro l’Udinese.

TRANQUILLITÀ – Tutto passa da Bologna, dove Maran dovrà fare i conti con la squalifica di Cigarini, in crescita nell’ultimo periodo. A prescindere dai singoli, il Cagliari dovrà scendere in campo con una tranquillità positiva: raggiungere il risultato senza affanni, ma con la consapevolezza dei propri mezzi. Una tranquillità che la squadra potrebbe mettere in campo anche nei successivi impegni. Tre punti domenica rappresenterebbero una sliding door decisiva per il proseguo della stagione rossoblù.