Cagliari, dopo la sosta arriva un trittico di fuoco

© foto www.imagephotoagency.it

Le due vittorie interne consecutive contro Sampdoria e Crotone hanno liberato il Cagliari dall’ansia e permesso ai rossoblù di guardare al prossimo futuro con la tranquillità di una classifica che li vede al decimo posto. Rastelli e i suoi si giocavano tanto nelle due gare del Sant’Elia, anche alla luce del rendimento esterno che finora è il punto debole del collettivo rossoblù.
Al ritorno in campo dopo la sosta di campionato, proprio il fattore trasferta aumenta il coefficiente di difficoltà del trittico di partite che il caledario riserva al Cagliari.

 

Fra otto giorni si riparte da San Siro, sponda Inter, per poi tornare al Sant’Elia contro la Fiorentina e, appena tre giorni dopo, andare a casa della Lazio. Due trasferte in tre partite ravvicinate, per di più contro avversarie attrezzate per un altro tipo di stagione rispetto ai rossoblù. Gli esami non finiscono mai, come noto, e ancora una volta ci vorrà la massima preparazione per trarre il meglio da uno snodo di calendario potenzialmente proibitivo.

 

Tre gare in dieci giorni, tre partite diverse ma ricche di insidie. L’Inter finora si è dimostrata schizofrenica nel rendimento, riuscendo a collezionare figuracce anche europee ma sapendo battere la Juventus; la Fiorentina ha un deficit in classifica ma vanta un organico che impone di risalire in fretta, mentre la Lazio viaggia al terzo posto. La classifica permette al Cagliari di prepararsi senza patemi al triplice impegno di ottobre, proprio questa può essere la chiave per veleggiare oltre la bufera.

Articolo precedente
Rossoblù in nazionale, sorridono Bruno Alves e Tachtsidis
Prossimo articolo
Cagliari-Fiorentina, in vendita i biglietti per il Sant’Elia