Cagliari, ancora un tour de force: tre partite in otto giorni

© foto www.imagephotoagency.it

Se c’è una cosa che si sente ripetere allo sfinimento circa il campionato di Serie B è che si tratta di una competizione lunga e logorante. Ne sa qualcosa il Cagliari, che sta solcando con timone saldo le acque impetuose della cadetteria, e lo sanno ancor meglio quelle formazioni che alla vigilia del torneo si erano attrezzate con organici magari di qualità ma non sufficientemente ampi per sopportare le faticacce di un campionato a 22 squadre.
Archiviata l’importante vittoria sul Pescara, quinta consecutiva, la banda di Rastelli non può tirare il fiato per via di un nuovo tour de force in arrivo. Si inizia venerdì 26 febbraio a Cesena, per proseguire appena tre giorni dopo col Novara al Sant’Elia, quindi sabato 5 marzo a casa del Trapani.

 

Tre partite da affrontare con saggezza, dosando le forze a disposizione per proseguire la cavalcata che finora sta annichilendo le rivali. L’infermeria rossoblù in questi giorni fa registrare qualche ospite, circostanza che facendo di necessità virtù agevola il turnover: ci sarà spazio per chi ha giocato meno negli ultimi tempi, con la consapevolezza che una buona gestione del gruppo ha consentito finora l’efficace inserimento nell’undici titolare anche per chi solitamente parte dalla panchina.

Articolo precedente
Joao Pedro: «Cagliari bravo e fortunato. La classifica? Preferisco non guardarla»
Prossimo articolo
Verso Cesena-Cagliari, Sensi: «Sarà una gara spettacolare, le assenze non sono un alibi»