Borriello: «Le dichiarazioni di Giulini? Una caduta di stile»

© foto www.imagephotoagency.it

A due giorni dal trasferimento di Marco Borriello alla Spal, l’attaccante campano ha risposto alle accuse del patron del Cagliari Tommaso Giulini

Le dichiarazioni delle scorse ore del presidente del Cagliari Tommaso Giulini non sono andate giù all’ormai ex rossoblù Marco Borriello. La replica dell’attaccante campano non si è fatta attendere a lungo. «Innanzitutto – scrive su Instagram il 22 spallino – penso che sia una grandissima caduta di stile che il presidente del Cagliari Calcio parli di cifre del mio contratto. Le sue dichiarazioni sono state assolutamente false. Non sono andato via per soldi, se avessi voluto andar via per soldi lo avrei fatto questa estate». Borriello ha poi ricostruito la sua ultima settimana da giocatore del Cagliari: «Quando domenica scorsa ho chiesto di andare via al direttore e al presidente, non avevo accordi con nessuna squadra, infatti ho chiesto alla società di aiutarmi a trovare una sistemazione con uno scambio o con una vendita. […] Siccome nel calcio la voce circola veloce ed io ho anche un agente che lavora per me, appena si è saputo che c’era la possibilità che potessi lasciare Cagliari, il mio agente ed io abbiamo ricevuto chiamate da 7 squadre (4 di serie A, 2 Serie B e una estera). […] Tra queste la Spal è stata la più veloce e convincente e ho accettato subito il progetto tecnico».

IL TRASFERIMENTO ALLA SPAL – «Il Cagliari – continua Borriello – ha accettato l’offerta ottenendo anche benefici economici. È falso quanto detto dal presidente del Cagliari in merito al mio guadagno. Le cifre sono esattamente le stesse che ho percepito nella passata stagione dal Cagliari. Nel Cagliari avevo premi facilmente raggiungibili mentre con la Spal ho un contratto di base più alto ma i premi facilmente raggiungibili non sono stati aggiunti. L’unico vantaggio che ho ottenuto è stato un anno in più di contratto garantito, cosa che non avevo al Cagliari perché il rinnovo di questa estate non è stato un reale rinnovo ma un contratto che sarebbe stato garantito solo se avessi fatto 8 reti e salvezza acquisita (con 7 gol e salvezza non sarebbe stato valido per intenderci)».

«GIULINI? MI HA MESSO CONTRO UN POPOLO» – «Le dichiarazioni del presidente del Cagliari sono state false e cattive e mi hanno messo contro un popolo e una terra che io ho sempre rispettato, onorando la maglia e comportandomi sempre come un professionista esemplare in campo e fuori». Poi un appello ai tifosi rossoblù. «Vorrei essere ricordato dai tifosi del Cagliari come un uomo che ha sempre dato tutto per la maglia onorandola fino all’ultima partita ed allenamento. La vita è fatta di scelte ovviamente le mie decisioni non possono essere condivise da tutti ma chiedo rispetto per la scelta che ho fatto. Non voglio tornare più su questo argomento,sono stato trasparente come ho sempre sono stato nella mia vita».

Buongiorno a tutti ho attesso qualche ora in piu’ per rimanere concentrato sulla partita di ieri sera,ma dopo quanto e’ stato detto in questi giorni dal presidente del Cagliari e’ giusto fare chiarezza. Innanzitutto penso che sia una grandissima caduta di stile che il presidente del Cagliari calcio parli di cifre del mio contratto… Le sue dichiarazioni sono state assolutamente FALSE!!!! I motivi per cui sono andato via da Cagliari li ho elecanti nel post precendente quindi ci tengo a precisare che NON sono andato via per soldi,se avessi voluto andar via per soldi lo avrei fatto questa estate. Vi spiego i motivi: Quando domenica scorsa ho chiesto di andare via al direttore e al presidente,NON avevo accordi con NESSUNA squadra,infatti ho chiesto alla societa’ di aiutarmi a trovare una sistemazione con uno scambio o con una vendita. Al mercoledí della stessa settimana una squadra di serie A( che non era la Spal)ha proposto alla societa’ cagliari 2 calciatori per uno scambio con il sottoscritto,scambio rifiutato dalla societa’ Cagliari. Al giovedí nonostante io mi fossi allenato duramente come sempre tutta la settimana il direttore mi dice che non ero convocato per motivi disciplinari(cosa smentita da Rastelli sabato sera) per 2 giorni diversi giornali vicini alla societa’ avevano insinuato che avessi litigato col il Rastelli cosa assolutamente non vera! Siccome nel calcio la voce circola veloce ed io ho anche un agente che lavora per me, appena si e’ saputo che c’era la possibilita’ che potessi lasciare cagliari,il mio agente ed io abbiamo ricevuto chiamate da 7 squadre (4 di serie A, 2 Serie B e una estera). Lo scorso anno sono stato il terzo miglior marcatore italiano con 20 reti stagionali,normale avere molte richieste. Tra queste la Spal e’ stata la piu’ veloce e convincente e ho accettao subito il progetto tecnico. Il Cagliari ha accettato l’offerta ottenendo anche benefici economici. E’ FALSO quanto detto dal presidente del Cagliari in merito al mio guadagno! Le cifre sono esattamente le stesse che ho percepito nella passata stagione dal Cagliari. Nel cagliari avevo premi facilmente raggiungibili mentre con la Spal ho un contratto di base piu’ alto ma i

Un post condiviso da Marco Borriello (@marcoborriello) in data:

Articolo precedente
Serie A, i risultati della prima giornata di campionato
Prossimo articolo
Milan, oggi la firma di Kalinic. Giovedì il ritorno contro lo Shkendija