Ascoli-Cagliari, i numeri della sfida del Del Duca

© foto www.imagephotoagency.it

Ascoli Cagliari si affrontano questo pomeriggio al Del Duca per la 35^ giornata del campionato di Serie B. I rossoblu cercano il riscatto dopo la sconfitta casalinga con lo Spezia e un successo significherebbe avere la strada spianata verso il ritorno in Serie A a 7 giornate dalla fine e un vantaggio praticamente incolmabile sulle inseguitrici in zona playoff; i padroni di casa, invece, dopo la vittoria esterna sul Perugia cercano punti importanti tra le mura amiche per centrare l’obiettivo della salvezza senza passare per i playout. 

 

PRECEDENTI – Le due squadre tornano a sfidarsi in terra marchigiana a distanza di quasi 9 anni dall’ultimo precedente: era l’ultima giornata del campionato 2006/07 e il Cagliari allenato da Marco Giampaolo venne sconfitto 2-1 dai padroni di casa in virtù delle reti di Soncin Paolucci che ribaltarono l’iniziale vantaggio rossoblu firmato da Marco Mancosu, alla prima e unica rete in Serie A. L’ultimo incrocio in Serie B risale invece alla stagione 2003/04: alla prima giornata di ritorno termina 1-1 – dopo che all’andata al Sant’Elia finì 3-0 per i rossoblu come in questa stagione – Ascoli in vantaggio con Colacone, pareggio rossoblu con Esposito dopo una fuga di Suazo sulla sinistra. Per il Cagliari, il precedente da dimenticare è quello del 15 maggio 1983, quando i rossoblu furono sconfitti per 2-0 dall’Ascoli di Carletto Mazzone grazie alle reti di Greco Nicolini che condannarono i rossoblu alla retrocessione in Serie B. In generale sono 20 i precedenti disputati nelle Marche, con un bilancio di 7 vittorie ascolane, 10 pareggi e appena 3 vittorie rossoblu, 26 reti segnate dai padroni di casa contro le 20 rossoblu. Negli ultimi 5 incroci, le due squadre sono sempre andate a segno, 7 i gol bianconeri, 8 quelli rossoblu. 

 

ASCOLI – La squadra di Devis Mangia occupa la 16^ posizione con 39 punti in classifica e ha costruito la sua classifica tra le mura amiche, dove ha conquistato ben 8 delle 11 vittorie complessive ottenute fin qui in campionato. Al Del Duca, i bianconeri hanno tuttavia spesso sofferto, come dimostrano le 6 sconfitte incassate e quelle rimediate nelle ultime due uscite casalinghe contro Avellino Vicenza. Fatale all’Ascoli la parte centrale del primo tempo: tra il 16′ e il 30′, infatti, ha subito ben 12 gol, affermandosi come la squadra più “distratta” della Serie B in quel determinato periodo del match. I marchigiani, inoltre, sono la squadra che ha subìto più rigori contro in questa stagione: ben 11 i penalties fischiati a proprio sfavore. 

 

CAGLIARI – Anche i rossoblu stanno attraversando un momento delicato davanti al proprio pubblico: da fortino inespugnabile il Sant’Elia si è trasformato nell’ultimo mese in un terreno di conquista per le avversarie, con 3 sconfitte consecutive contro NovaraPerugia Spezia. Rispetto alla prima parte di stagione, c’è stata dunque un’inversione di tendenza per la squadra di Rastelli, che viaggia a un ritmo maggiore in trasferta: nel girone di ritorno sono arrivate 4 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte lontano da casa, 3 vittorie nelle ultime 5 contro LatinaVicenza Modena. I rossoblu si confermano inoltre letali nei 15′ finali di ciascuna frazione di gioco: 12 i gol messi a segno dal 31′ al 45′, addirittura 17 quelli realizzati dal 76′ al 90′ recuperi inclusi. 

 

TECNICI – Sono 4 i precedenti ufficiali tra Mangia e Rastelli: il bilancio è in favore del tecnico rossoblu, con 3 vittorie a fronte di 1 successo per l’allenatore bianconero, mentre le sue squadre sono sempre andate a segno per un totale di 9 gol realizzati. Davis Mangia incrocia per la terza volta il Cagliari, contro cui nei 2 precedenti ha ottenuto una vittoria – 3-2 in Serie A alla guida del Palermo nella stagione 2011/12 – e una sconfitta, il 3-0 rimediato nella gara d’andata al Sant’Elia, che rappresenta anche l’unico precedente per Rastelli contro l’Ascoli. 

Articolo precedente
Serie B, 35^ giornata: il Crotone di scena a Terni, Spezia-Novara sfida playoff
Prossimo articolo
Ascoli-Cagliari sfida di ex: sono 5 tra campo, panchina e scrivania