Cagliari, Zenga: «In campo anche ad agosto. Noi saremmo pronti»

Zenga
© foto 04-03-2020 Calcio Serie A 2019/20, Cagliari, Sardegna Arena, Presentazione Zenga. Foto Gianluca Zuddas per CagliariNews24.com. Nella foto: Zenga

Cagliari, Walter Zenga non vede l’ora di cominciare ufficialmente l’avventura in panchina. E spiega: «Non vedo l’ora di tornare sui campi. Noi quando sarà possibile saremo pronti»

In mattinata Walter Zenga ha parlato ai microfoni di Sport Mediaset. Il tecnico rossoblu attende il via libera per tornare sui campi d’allenamento, sperando di poter iniziare a tutti gli effetti la sua avventura al Cagliari: «E’ da un un mese esatto che sono qui ad Asseminello, è chiaro che ognuno ha i propri problemi piccoli e grandi. Quel che riesco a fare è restare ottimista, gestire i bei momenti con serenità: videocall, telefonate…Spero di abbracciare presto i miei cari».

CAGLIARINEWS24 È ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!

FULL IMMERSION ROSSOBLU – Già qualche tempo fa Zenga disse che sarebbe stato disposto a giocare a ferragosto. Oggi, è molto più di un’ipotesi ed il tecnico tiene i suoi sull’attenti in vista di un’eventuale ripresa: «Dire come si può ripartire non è mia competenza, io sono un allenatore. Avevo già preparato dei programmi di allenamento sia di gruppo che individuali: quando ci sarà la possibilità di iniziare di nuovo saremo già pronti. Noi, essendo in un’isola, siamo in un posto in cui le cose sono un po’ più circoscritte. Non vedo l’ora di tornare sui campi. Una delle prime persone che ho chiamato quando sono arrivato qui è stato Gigi Riva, era il nostro accompagnatore in nazionale e con lui ho sempre avuto un grande rapporto. La città? io sono qui da un mese, conosco benissimo il centro sportivo, ho fatto full immersion su tutto quel che è successo sinora in stagione per capire quale potrebbe essere il meglio per il club ed i tifosi».

RIPARTENZA – La ripartenza è possibile, a patto che ognuno faccia dei sacrifici: «La mia fortuna è stata anche allenare in Championship in Inghilterra, si giocavano 7 partite al mese: dobbiamo fare tutti dei sacrifici, non solo economici: serve uno sforzo per giocare ogni due-tre giorni. E se qualcuno si lamenta del caldo di luglio ed agosto, si può giocare di sera. Chiaramente non sono competenze mie, sono dei miei auspici: per me non ci sarebbe problema a giocare ogni tre giorni. E se possiamo regalare una distrazione a chi sta a casa ben venga».