Spal-Cagliari, le pagelle: Cragno, Joao Pedro e Barella sugli scudi

joao pedro cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Spal-Cagliari, gara terminata 2-0 per i rossoblù di Rastelli grazie ai gol di Barella e Joao Pedro

Il Cagliari vince a Ferrara contro la Spal per 2-0 grazie ai gol di Nicolò Barella nel primo tempo e di Joao Pedro nella ripresa. Ecco le pagelle dei rossoblù:

Cragno 7: Una sicurezza tra i pali del Cagliari, sempre attento in uscita e miracoloso nel finale sul tiro deviato di Viviani.

Padoin 6: Spinge meno rispetto alla gara contro il Crotone, ma contribuisce al successo grazie alla sua esperienza.

Pisacane 6: Vince la sfida con l’amico Borriello, ma rischia in più di un’occasione in fase di disimpegno regalando palloni e occasioni alla Spal.

Ceppitelli 6,5: Non giocava da febbraio e approfitta dello stop di Andreolli per mettersi in mostra. C’è anche lui per una maglia da titolare al centro della difesa.

Capuano 6: Soffre la corsa di Lazzari nella prima parte di gara, poi riesce a prendere il sopravvento.

Ionita 6: Fa sentire la sua presenza in mezzo al campo, anche se non disputa la sua miglior partita. (Dall’81’ Faragò sv)

Cigarini 6,5: Geometrie di qualità in mezzo al campo, è sempre presente in fase di costruzione.

Barella 7,5: Meno sontuoso rispetto alle altre partite, ma segna il suo primo gol in Serie A. Una certezza per Rastelli, per il Cagliari e per il futuro del calcio italiano.

Joao Pedro 7,5: Si inventa un gran gol per chiudere la partita, nel finale in contropiede prova in tutti i modi a far segnare l’amico Farias senza riuscirci. (Dal 90′ Romagna sv).

Sau 6,5: Mette lo zampino nel gol di Barella, permette alla squadra di avere equilibrio grazie alla sua fase di copertura. (Dal 66′ Farias 6: In meno di mezz’ora ha cinque occasioni per segnare. Ha il merito di crearsele e il demerito di sprecarle. Se riuscisse a concretizzare sarebbe da grande squadra).

Pavoletti 6: Il bomber cerca ancora il primo gol e la condizione ideale, che può acquisire solo giocando. Duetta bene con Sau, ma da lui ci aspetta di più.

Rastelli 7: La squadra vince e gioca un’ottima partita contro un avversario ostico. Si prende la sua vendetta su Borriello, ma soprattutto porta al Cagliari la seconda vittoria consecutiva nel secondo scontro diretto salvezza di questo inizio di stagione.

Le pagelle della Spal

Gomis 6,5: Può fare poco sul tiro deviato di Barella e sul gran gol di Joao Pedro. Evita il 3-0 in più di un’occasione.

Salamon 5: Prestazione non perfetta per il gigante polacco, ex della partita.

Vicari 5: Insufficiente come tutta la difesa spallina.

Vaisanen 5: Anche lui non è esente da colpe sui gol rossoblù. (Dall’81’ Bonazzoli sv).

Lazzari 6,5: La Spal spinge molto sulla sua fascia grazie all’esterno italiano della squadra di Semplici. Mette tanti cross per i compagni dalla destra e su uno di questi – sbagliando – colpisce il palo.

Schiattarella 5: Poco consistente in mezzo al campo.

Viviani 5,5: Meglio dei compagni di reparto. Ci prova in tutti i modi anche grazie alle sue capacità balistiche, ma non basta per trovare la rete.

Mora 5: La grinta del capitano finisce in frustrazione nel finale, quando interviene in malo modo su Farias.

Costa 5.5: Spinge sulla sinistra, si rende pericoloso di testa, ma non è abbastanza. (Dall’81’ Mattiello sv)

Paloschi 5,5: È il più pericoloso tra gli attaccanti di Semplici. (Dal 64′ Antenucci 5: Si fa vedere solo per una rovesciata che termina alta).

Borriello 5: Il grande ex non punge e non si rende pericoloso dalle parti di Cragno. L’unica occasione arrivare nel finale sulla punizione deviata da Pisacane e parata dall’estremo difensore isolano.

Semplici 5: La squadra aspetta il Cagliari, fa giocare il pallone ai suoi giocatori di qualità e prova a ripartire. Il piano partita salta però dopo 17′ per il gol di Barella e la Spal non riesce mai veramente ad andare vicina al pareggio.

Articolo precedente
rastelliRastelli: «Cagliari, continuiamo con questa mentalità»
Prossimo articolo
joao pedro cagliariJoao Pedro sorride dopo l’eurogol: «Cagliari, bene così»