Serie A, i posticipi: vincono Udinese e Genoa, ko Crotone e Verona

© foto www.imagephotoagency.it

Serie A, la 15° giornata si chiude con i successi di Udinese e Genoa ai danni di Crotone e Verona – 4 dicembre, ore 23

Si completa il programma della quindicesima giornata di Serie A: i due posticipi del lunedì vedono risultati importanti nella zona calda della classifica, due vittorie esterne in altrettanti scontri diretti. A Crotone l’Udinese passa per tre a zero grazie alla doppietta di Jankto e al gol di Lasagna, mentre il Genoa va a vincere in casa dell’Hellas Verona capitalizzando la rete di Pandev.

La 15ª giornata di Serie A si concluderà oggi con gli ultimi due posticipi che mettono in palio punti importanti in chiave salvezza: alle 19 c’è Crotone-Udinese, alle 21 Hellas Verona-Genoa – 4 dicembre, ore 11

Dopo l’incredibile primo punto ottenuto dal Benevento ieri contro il Milan, si giocano quest’oggi altre due gare importanti in chiave salvezza. Si parte alle 19 con Crotone-Udinese. Entrambe le squadre sono appaiate a 12 punti in classifica e un successo permetterebbe a una delle due di allontanarsi dalle zone calde. Alle 21 chiude la giornata Hellas Verona-Genoa. Gli scaligeri sono penultimi con 9 punti. Quartultimo posto con 10 lunghezze per i rossoblù liguri. Per la squadra di Ballardini c’è l’occasione di allungare le distanze. Per i padroni di casa quella di uscire per la prima volta dalle ultime tre posizioni in classifica.

LE GARE DI IERI – Oltre all’1-1 di Bologna-Cagliari, ieri si sono giocate altre tre gare. L’Inter ha superato nettamente per 5-0 il Chievo Verona a San Siro. Mattatore del match il croato Perisic, autore di una tripletta. In gol anche Icardi e Skriniar. La Fiorentina ha avuto la meglio sul nuovo Sassuolo di Iachini. Il 3-0 viola è firmato da Simeone, Veretout e Chiesa. Nel posticipo, la Lazio ha interrotto la striscia positiva casalinga della Sampdoria (prossimo avversario del Cagliari). Blucerchiati avanti con Zapata al 56′. Nel finale Milinkovic-Savic ha pareggiato al 79′, mentre Caicedo ha regalato ai biancocelesti la vittoria al 91′.

Primo storico punto del Benevento in Serie A. I campani pareggiano per 2-2 in casa contro il Milan grazie al gol del portiere Brignoli al 95′ – 3 dicembre, ore 14.28

Si interrompe dopo 14 sconfitte consecutive la striscia negativa del Benevento. I campani conquistano il primo storico punto in Serie A, pareggiando 2-2 contro il Milan al 95′. La squadra di De Zerbi è arrivata al gol in pieno recupero con il proprio portiere Brignoli che, nell’ultima punizione della partita, si è buttato in avanti, come spesso succede in questi casi. Sul cross di Cataldi, l’estremo difensore ha battuto di testa il collega Donnarumma, facendo esplodere di gioia il “Vigorito”. Diventa così da dimenticare l’esordio di Gennaro Gattuso sulla panchina rossonera. Il suo Milan era passato in vantaggio con Bonaventura al 38′ del primo tempo. Nella ripresa Puscas ha siglato l’1-1, ma Kalinic poco dopo ha riportato avanti i suoi. Al 75′, i rossoneri sono rimasti in dieci per il doppio giallo di Romagnoli e al 95′ Brignoli ha incredibilmente regalato il primo storico punto in Serie A al Benevento.

Nei primi tre anticipi della 15ª giornata di Serie A, vincono Roma e Juventus. Solo 1-1 tra Torino e Atalanta – 3 dicembre, ore 9

Negli anticipi del venerdì della quindicesima giornata di Serie A, sono arrivate due vittorie importanti per Roma e Juventus. Più prevedibile quella dei giallorossi che all’Olimpico hanno battuto 3-1 la Spal grazie alle reti di Dzeko, Strootman e Pellegrini. Di Viviani il gol della bandiera, segnato sulla respinta del rigore precedentemente sbagliato. Decisamente più altisonante il successo della Juventus al San Paolo contro la capolista Napoli. Lo 0-1, firmato dall’ex Higuain, permette ai bianconeri di accorciare le distanze sui partenopei e riparire il discorso scudetto. Si è giocato ieri il terzo anticipo della giornata. Torino e Atalanta non sono andati oltre l’1-1: vantaggio di N’Koulou per i granata e pareggio di Ilicic per i bergamaschi. Oggi sono in programma le altre gare: si parte alle 12.30 con Benevento-Milan.

Serie A, si apre con Roma-SPAL di oggi la 15ª giornata. A seguire Napoli-Juventus. Chiuderà il turno Hellas Verona-Genoa, in programma lunedì sera – 1 dicembre

Inizierà oggi la 15ª giornata di Serie A. Ad aprirla sarà l’anticipo delle 18:30 tra Roma e SPAL, quasi un testa-coda: i giallorossi, quarti i classifica e reduci dal pareggio in casa del Genoa, vanno a caccia del pronto riscatto tra le mura amiche. La SPAL, terzultima con 10 punti, è reduce dalla sconfitta del Bentegodi contro il Chievo e dall’eliminazione dalla Coppa Italia ad opera del Cittadella. In caso di successo, la Roma di Di Francesco aggancerebbe temporaneamente in classifica la Juventus, in campo stasera alle 20:45 nel big match contro il Napoli capolista. Sfida che non ha bisogno di presentazioni: un successo dei partenopei darebbe conferma di quanto fatto vedere finora e ulteriore slancio in classifica, esattamente ciò che vorrebbero evitare gli uomini di Allegri, che in caso di vittoria si porterebbero ad un solo punto dagli azzurri.

LE ALTRE PARTITE – Domani è in programma una sola gara, alle 20:45, tra Torino ed Atalanta. Tra domenica e lunedì il resto delle partite: da Benevento-Milan, che segnerà l’esordio sulla panchina rossonera ed in Serie A di Gattuso, al posticipo domenicale Sampdoria-Lazio, passando per Bologna-CagliariFiorentina-Sassuolo ed Inter-Chievo. Chiuderanno la 15ª giornata di Serie A Crotone-UdineseHellas-Genoa, posticipi serali di lunedì.

Serie A, il programma della 15ª giornata

Roma 3-1 SPAL, venerdì ore 18:30;
Napoli 0-1 Juventus, venerdì ore 20:45;
Torino 1-1 Atalanta, sabato ore 20:45;
Benevento 2-2 Milan, domenica ore 12:30;
Bologna 1-1 Cagliari, domenica ore 15;
Fiorentina 3-0 Sassuolo, domenica ore 15;
Inter 5-0 Chievo, domenica ore 15;
Sampdoria 1-2 Lazio, domenica ore 20:45;
Crotone-Udinese 0-3, lunedì ore 19;
Hellas-Genoa 0-1, lunedì ore 21.

Articolo precedente
Barella tra i 100 Under 21 più costosi al mondo
Prossimo articolo
Sampdoria, Bereszynski: «A Cagliari massima concentrazione»