SALA STAMPA – Rastelli: «Era importante vincere. Dessena è un’altra bella favola di questo Cagliari»

© foto www.imagephotoagency.it

Dimentiche le goleade contro Fiorentina e Lazio, il Cagliari è tornato a fare il Cagliari al Sant’Elia, vincendo 2-1 contro il Palermo grazie alla doppietta di capitan Dessena. Alla fine del match il tecnico rossoblù Massimo Rastelli ha parlato in conferenza stampa: «È stata una partita sporca. La posta in palio era altissima, sapevamo che non sarebbe stata una gara facile. Per noi era importante vincere, ma soprattutto non perdere per non rimettere in corsa il Palermo. Il Cagliari è stato tosto nel primo tempo, poi abbiamo capitalizzato benissimo nella ripresa. Abbiamo anche gestito bene il vantaggio, peccato solo aver preso il gol del 2-1 in quel modo. Potevamo fare meglio, ma abbiamo migliorato rispetto alle ultime due gare. Dessena? È stata un’altra bella pagina di questo Cagliari dopo Melchiorri. È il giusto premio dopo un anno di sofferenza. Ha fatto un lavoro massacrante per tornare ed ha aspettato il suo momento. I tifosi sono stati fantastici perché hanno capito non fosse facile. Isla e Pisacane terzini possono essere una soluzione per il futuro? Oggi mi sono piaciuti entrambi. La classifica fin qui è buona, ma lo era anche prima nonostante le due sconfitte pesanti dal punto di vista numerico. Noi dobbiamo salvarci, prima ci arriviamo e meglio è. Dobbiamo procedere con questa determinazione, poi si faranno altri discorsi. Le punte? In avanti sono arrivati pochi palloni per la natura della partita, il Palermo non concede spazi. Sau e Borriello hanno fatto il lavoro sporco e dato tutto ciò che avevano, divertendosi poco. Oggi la squadra non ha concesso ripartenze. Sono mesi che lavoriamo allo stesso modo, stasera siamo stati bravi in questo. Il gol subito dall’esterno un punto debole? Lo devo rivedere per capire come abbia fatto quella palla a passare».


Dichiarazioni raccolte da Sergio Cadeddu

Articolo precedente
MIXED ZONE – Isla: «Tre punti importanti per la salvezza»
Prossimo articolo
Dessena: «Ringrazio i tifosi, difficile riuscire a ripagare il loro affetto»