Connettiti con noi

News

Quanto avrebbe fatto comodo Nainggolan a questo Cagliari?

Pubblicato

su

Il ninja a centrocampo avrebbe dato lo spessore che manca alla squadra rossoblù

Se il buongiorno si vede dal mattino c’è poco da stare allegri: il pareggio con lo Spezia e le sconfitte con Milan e Genoa sono già una sentenza per il campionato di questo Cagliari che appare in salita. Sono state giocate pochissime partite, è vero, eppure la squadra rossoblù sta faticando più del previsto nonostante disponga di una rosa di buon livello. Gli ingaggi di campioni del calibro di Strootman e di Keita Baldè per ora non stanno dando i frutti sperati,che sta dando invece il solito João Pedro che non smette di segnare e che non smette neppure di giocare partite convincenti. Peccato che il suo apporto da solo serva a poco a questa squadra che a centrocampo fatica a resistere alle ripartenze avversarie. Ogni riferimento non è puramente casuale, visto che Dalbert non sta andando oltre il compitino e Deiola in campo è un po’ fantasma di sé stesso. Certo Marin nell’imbeccare i compagni con palloni veloci e tesi è quasi perfetto, ma manca qualcosa, o, meglio, manca qualcuno a questo centrocampo. Manca Nainggolan! Il belga avrebbe fatto davvero comodo ai rossoblù perché avrebbe dato quello spessore in più alla mediana che con lui sarebbe divenuta una sorta di valico insuperabile. La sua assenza in campo si sente, e dire che i presupposti per rivederlo per l’ennesima volta con la maglia del Cagliari c’erano eccome questa estate! Se in questa sede eviteremo di ricordare il tira e molla che non ha fatto bene né al giocatore né alla società, almeno ricorderemo quanto il ninja è sempre stato decisivo con i sardi. Direte:” Ormai Nainggolan è il passato, è ora di voltare pagina!”. Giusto, però è innegabile che nessuno avrebbe mai scommesso un centesimo sul suo approdo all’Anversa. Forse è questo che fa più male, più male anche di un centrocampo che non sta girando.   

E dire che la rosa sarebbe anche di buona qualità  

Scusate se in qualche modo ci ripetiamo, ma questo Cagliari nonostante la rosa di qualità che ha allestito inserendo Strootman, Dalbert, Cáceres e Keita Baldé non sta navigando in acque tranquille, e questa cosa è dovuta al fatto che manca un centrocampista di peso in grado di impostare il gioco e al tempo stesso di contrastare, ossia manca Nainggolan. Il belga era a un soffio dal tornare nuovamente a Cagliari, e poi non se ne è fatto più nulla, ed è un peccato sia per la formazione rossoblù sia per i tifosi che con il ninja si sarebbero recati ancor più volentieri allo stadio. Vederlo segnare dalla distanza oppure vederlo rincorrere per tutto il campo l’avversario sarebbe stato un piacere per gli occhi, non solo per quelli dei cagliaritani ma anche per quelli di tutti i tifosi di calcio. D’altronde i calciatori versatili e grintosi a chi non piacciono? Dopo questo sfogo rincariamo la dose sostenendo che Nainggolan con Strootman avrebbe fatto fuoco e fiamme sulla mediana; secondo noi i due avrebbero coesistito alla grande grazie anche al fatto che sono tecnicamente diversi. Non solo, considerando le condizioni precarie dell’olandese, in questo momento fermo ai box per un infortunio, il belga avrebbe potuto benissimo sostituirlo nella sua posizione di centrale. E così non sarà visto che il Cagliari e Nainggolan hanno preso due strade completamente diverse.

Come si recupera lo svantaggio in campionato?

Arrivati a questo punto della trattazione forse è inutile parlare di chi non c’è più, è invece più utile interrogarsi su come il Cagliari potrà risollevarsi. I sardi non meritano certo questa bruttissima classifica e dovranno essere bravi a riprendere in mano il loro destino adesso che il campionato è appena iniziato. Come? Giocando un calcio più semplice e stando in campo più compatti. Facile a dirsi, un po’ più difficile a farsi, eppure la squadra c’è, basta leggere i nomi della rosa!  

L’esonero di Semplici

Dopo aver parlato a lungo di Nainggolan, non potevamo non concludere quest’articolo dicendo qualcosa in merito all’esonero di Semplici. L’ormai ex tecnico del Cagliari ha pagato per tutti un inizio di stagione a livello di risultati davvero preoccupante. Nonostante la squadra con lui esprimesse un calcio a tratti abbastanza convincente, alla fine se non si vince non può che esserci un cambio in panchina. Forse con il belga in campo Semplici ora sarebbe ancora al suo posto. Forse.