Pisacane: «A Cagliari sto benissimo. Zenga? Grande comunicatore, ha carisma»

pisacane cagliari
© foto 30-10-2019 Cagliari, Calcio Serie A 2019/20, Sardegna Arena, Cagliari vs Bologna. Foto Gianluca Zuddas per Cagliarinews24.com. Nella foto: Pisacane

Fabio Pisacane tra il passato lockdown e la graduale ripresa: «Tornare ad allenarsi significa tanto. Rinnovo? A Cagliari sto benissimo, se ne parlerà più avanti»

Fabio Pisacane ha parlato a Radiolina in una diretta social. Il difensore del Cagliari, collegato dal centro sportivo di Asseminello, è partito dal momento e dal recente periodo di lockdown: «Sto meglio, stare all’aria aperta migliora l’umore. Stare a casa coi miei figli mi ha fatto bene, ho scoperto delle cose che prima non facevo. Anche da questa situazione dobbiamo trarre le cose positive. Ho capito che la vita è un attimo, io ne ho avuto la prova già in passato (la sindrome di Guillain Barrè che l’ha colpito da adolescente, ndr). Penso che in questo momento tutti gli italiani abbiano capito che basta un attimo per perdere tutto: serve carattere. Ci ha messo a dura prova, ma l’importante è pensare al lato positivo. Le cose fondamentali della vita sono a portata di mano, bisogna godersele».

RITORNO IN CAMPO – «Tornare ad Asseminello è tutto, ti dà un senso di libertà. E’ stata dura per tutti. A volte ci si lamenta, poi si apprezza ancora di più ciò che si aveva perso. Siamo ripartiti tutti con la voglia di fare quel che fino a due mesi fa ci pesava. A volte anche io penso “non vedo l’ora che il campionato finisca”, perchè sono stremato fisicamente e mentalmente, ma poi ti rendi conto che quello che stai facendo è davvero quello che volevi».

IL CAGLIARI – «Quando sono arrivato era normale che inconsciamente sono stato visto come l’uomo legato a Rastelli. A 29 anni sei adulto e vaccinato per capire che certi discorsi si fanno a prescindere, ho sempre lavorato con umiltà e coerenza sperando di far ricredere chi si era fatto quell’idea. La gente poi riconosce chi dà tutto, poi le prestazioni possono essere buone e meno buone: la gente vuol vedere impegno, serietà e professionalità. Penso di essermi sempre impegnato in questo senso. Se un giorno dovessi andar via da Cagliari, tra le due cose preferirei essere ricordato come giocatore scarso che come uomo di poco valore. Rinnovo? Penso che in questo momento ci siano altre priorità, e il contratto di Pisacane non è tra queste. Tutti sanno che ho deciso di fermarmi qui a vivere, tutti sanno quanto sia contento di stare a Cagliari. Quando se ne dovrà parlare cercheremo di capire la situazione».

FUTURO PROSSIMO – «Zenga? L’ho visto pochissimo, ma percepisco le cose a pelle: è un grandissimo comunicatore. Mi ha colpito il suo carattere, ha grande carisma. Ripresa? Preferisco aspettare il verdetto finale: ci stiamo preparando da lunedì per farci trovare pronti se e quando ci sarà l’ok».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy