Rastelli: «Non sottovalutiamo il Modena. Di Gennaro? Gioca»

© foto www.imagephotoagency.it

Questa mattina Massimo Rastelli ha presentato in conferenza stampa la partita di domani pomeriggio contro il Modena di Crespo.

 

«Sono convocati tutti quelli si sono allenati – ha dichiarato il tecnico rossoblù –. Di Gennaro è convocato. Rimangono a casa gli squalificati e Capuano che rientrerà a lavorare lunedì prossimo con la squadra. Dalla Primavera ho convocato Arca e Bernardi». 

 

L’AVVERSARIO – «Domani incontriamo una squadra che arriva a questa gara da un momento difficile, che preparerà la gara nei minimi dettagli. Il Modena in casa si trasforma, riesce ad essere molto più pungente e tosta. La maggior parte dei punti li ha fatti al Braglia. In B dipende dal momento in cui affronti le squadre, non dobbiamo sottovalutarli. Sono pericolosi, non bisogna pensare che la gara di domani sia agevole. Possiamo metterla sui binari giusti se facciamo il Cagliari e se abbiamo anche un po’ di timore dell’avversario com’è stato a Vicenza».

 

CONDIZIONE FISICA – «Di Gennaro gioca, ma vediamo quanto durerà. È normale che non abbia 90 minuti. Qualche cambio ce l’ho ancora. Da diverse settimane la squadra non sbaglia un allenamento. Con il Perugia, dopo il primo tempo, non meritavamo di perdere. Stiamo recuperando tutti gli effettivi e con loro anche la sicurezza e la fiducia venuta a mancare nelle settimane precedenti. Le vittorie scacciano certi fantasmi. Stiamo dimostrando di tornare ad essere la squadra di un mese fa». 

 

CORSA PROMOZIONE – «La cosa più importante è che il Cagliari salga in Serie A. Poi noi cercheremo in queste 10 gare di vincerne il più possibile, poi vedremo alla fine quale sarà la classifica. Ogni punti che conquisteremo da qui alla fine ci avvicinerà sempre di più alla Serie A. Noi scendiamo in campo per vincerle tutte, come abbiamo sempre fatto. Il Crotone è un avversario che si è dimostrato all’altezza, pur avendo meno pressioni all’inizio. Questa è la Serie B, l’anno scorso sono salite Carpi e Frosinone, il Bologna è arrivato quarto ed era una squadra costruita come noi per salire in A. Non bisogna offuscare il lavoro fatto fin qui dal Crotone. In estate mi hanno chiamato per vincere il campionato, è l’obiettivo primario. Lo dico e lo ripeto. Ma non bisogna storcere il naso se arriviamo in Serie A ad un punto dal Crotone. Mancano ancora 30 punti. Il campionato non è finito. Più vittorie facciamo nell’immediato più vivremo con tranquillità le ultime gare. Avremo tanti scontri diretti, come le avranno le altro. Da settimana prossima avrò tutta la rosa a disposizione per la prima volta quest’anno. Innesti per la Serie A? Sono concentrato sull’obiettivo e sul Modena. Una volta centrato l’obiettivo ne riparleremo».

 

Dichiarazioni raccolte dal nostro inviato Roberto Carta

Articolo precedente
Giulini: «Contattai Sarri e Ranieri. Sono felice di aver scelto Rastelli»
Prossimo articolo
Modena-Cagliari, i 19 convocati di Rastelli: torna Giannetti