Joao Pedro: «Mi piacerebbe diventare una bandiera»

joao pedro cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Il brasiliano del Cagliari Joao Pedro si è raccontato in un’intervista pubblicata quest’oggi su L’Unione Sarda: «Mi sento a casa»

Nell’ultima gara prima della sosta Joao Pedro ha ritrovato il gol contro la Fiorentina. Una rete importante che regalato tre punti altrettanto pesanti al Cagliari nella corsa salvezza. Per il brasiliano questa può essere la stagione della rinascita, dopo la squalifica di 6 mesi per essersi fatto trovare positivo all’idroclorotiazide«Quella sostanza c’era, ma non doveva esserci», ha raccontato a L’Unione Sarda, «mi faceva star male l’essere messo sullo stesso piano di chi si dopa volontariamente. Io ero lì per un errore non mio».

FUTURO – Il peggio è passato, Joao è tornato a giocare e segnare, sempre con la maglia del Cagliari«Ho rinnovato da poco, qui mi sento a casa. Io una bandiera? Dopo tanti momenti intensi, il feeling con la società e i tifosi, è normale diventare un riferimento. Ma una bandiera è molte più cose. Certo, mi piacerebbe, ma devo fare ancora tanto».

CHIEVO – La testa ora è alla prossima partita, venerdì a Verona contro il Chievo, in un match che può rivelarsi cruciale in chiave salvezza: «L’ultima giornata ci ha fatto vedere che la lotta per la salvezza è ancora accesa – il pensiero di Joao Pedro In trasferta ci manca qualcosa e allora vogliamo fare punti. Il futuro passa da Verona».