Joao Pedro: «A Cagliari mi sento amato, voglio rientrare il prima possibile»

joao pedro cagliari
© foto www.cagliarinews24.com

Ai box per infortunio da inizio ottobre, Joao Pedro tornerà a disposizione di mister Rastelli tra due mesi e mezzo. Il trequartista brasiliano, intervenuto quest’oggi ai microfoni de “Il Cagliari in diretta” su Radiolina, ha fatto il punto sul suo recupero: «Proprio ieri ho tolto il gesso, ho fatto un bel passo avanti. Oggi ho iniziato le terapie e lavorato in piscina, i prossimi trenta giorni saranno molto impegnativi. Sono felice perché sta andando tutto bene, voglio rientrare il prima possibile».

 

L’INFORTUNIO – «È stata dura, non è stato semplice digerire quel momento. Ho visto i miei compagni in allenamento e in partita, ho tifato per loro. Gli applausi del Sant’Elia col Crotone? È stato bello, mi sono sentito amato. Questo è il mio primo infortunio importante, purtroppo capita».

 

LUNEDÌ ARRIVA IL PALERMO – «Cagliari-Palermo? Tutta la vita i rossoblù. Il Palermo è stata la mia prima squadra europea, ma ormai sono a Cagliari da due anni. Qui mi trovo benissimo, la Sardegna è molto simile al Brasile. Stiamo crescendo tanto, la società ha grandi progetti per il futuro. Spero di rimanere tanti anni in rossoblù».

 

FARIAS PRONTO AL RIENTRO – «Lo vedo molto carico, è quasi pronto. Ci manca tanto, speriamo che già lunedì sia a disposizione di Rastelli».

 

LA SQUADRA – «Di Gennaro trequartista? Sta facendo molto bene. È un giocatore di qualità, sta segnando tanto e dando equilibrio alla squadra. Dessena? È a disposizione del mister, quando sarà al 100% giocherà sicuramente. Daniele è un giocatore importante per il Cagliari. Rastelli? Gli devo tanto, mi ha sempre dato fiducia».

 

GLI AMICI NEYMAR E COUTINHO – «Sono miei amici, ogni tanto ci sentiamo ancora. Sono contento per quello che stanno facendo in Europa. Neymar ha fatto vedere da subito di essere un grandissimo giocatore, Coutinho invece è passato dall’Italia e dalla Spagna prima di esplodere al Liverpool».

 

SOGNO SELEÇAO – «Io sono brasiliano, ho già indossato la maglia verdeoro nelle selezioni giovanili. Non potrei mai giocare con l’Italia, non sarebbe giusto».

Articolo precedente
Lazio, contro il Cagliari niente turnover per Inzaghi
Prossimo articolo
Il doppio ex Pancaro: «Lazio favorita ma Cagliari battagliero, partita aperta»