Isla: «Qui con grande entusiasmo, convinto dal progetto Cagliari»

© foto www.imagephotoagency.it

Dalla vittoria contro Messi al Sant’Elia, dalla Roja al rossoblù. Mauricio Isla è stato uno dei grandi acquisti del calciomercato estivo di Stefano Capozucca e dopo un avvio stentato ha iniziato ad essere anche lui protagonista nel Cagliari di Rastelli.

Il cileno ha parlato in un’intervista al Corriere dello Sport della sua nuova avventura in Sardegna: «Ho accettato il passaggio dalla Juve al Cagliari con grande entusiasmo. Io non mi sono mai sentito un campione o un fuoriclasse e non voglio che qui mi considerino tale. Sono solo un giocatore che cerca di lavorare al massimo e di impegnarsi per regalare soddisfazioni ai suoi tifosi e far arrivare quanto prima la sua squadra all’obiettivo della società. Andare a giocare nella squadra più forte d’Italia è stato un sogno ma allo stesso tempo un po’ una sorpresa perché ho vissuto anni bellissimi a Udine. Poi mi sono infortunato e quando le cose sembravano mettersi male è arrivata la proposta della Juventus. Forse non sono stato all’altezza di quella squadra dove c’erano tanti campioni, ma sono stati due anni fantastici per me. Ho avuto la possibilità di lavorare con alcuni dei giocatori più forti al mondo».

Le prime impressioni sul nuovo Cagliari non possono che essere positive: «Sono arrivato qui e ho ritrovato Padoin e Storari, con quest’ultimo che appena finita la Coppa America mi aveva chiamato per convincermi a venire in Sardegna. Ma ho conosciuto con piacere anche un grande campione come Bruno Alves o gli altri sudamericani come Rafael, Joao Pedro e Farias con i quali ci ritroviamo spesso. Obiettivi? Io sono abituato a fare un passo alla volta. Certamente se la squadra dovesse far bene allora sarebbe un buon modo per far arrivare altri giocatori importanti, ma tutto passa per i risultati del campo. Non vediamo l’ora di arrivare a quaranta punti e poi far divertire i tifosi. La salvezza è il primo punto per poter pensare in grande in futuro. Io ho tre anni di contratto e sono arrivato in un posto e in una squadra dove si sta benissimo quindi non metto limiti a quello che potrà succedere. Le proposte erano tante ma avevo nostalgia dell’Italia, del cibo italiano e degli amici. Quando ho parlato per la prima volta col direttore, mi ha subito convinto dell’ottimo progetto del Cagliari: stadio nuovo, salvezza e programmi ambiziosi per il futuro. Il sì è stato quasi automatico. Rastelli è uno che ti parla sempre in faccia, sia quando devi giocare che quando devi andare in panchina. So che mi ha voluto fortemente e questo non può che farmi piacere».

Articolo precedente
Cagliari, senza Padoin è (ancora) emergenza a centrocampo
Prossimo articolo
cagliariTorino-Cagliari, designato l’arbitro Mariani