Di Francesco: «Il mio rinnovo? Sono molto orgoglioso della scelta» – VIDEO

Le parole dell’allenatore del Cagliari Eusebio Di Francesco dopo la sconfitta contro il Genoa e la notizia del rinnovo di contratto

Dopo la sconfitta contro il Genoa, l’allenatore del Cagliari Eusebio Di Francesco ha parlato ai microfoni di Sky Sport. Ecco le sue parole: «Il mio rinnovo? Anomalo nel mondo del calcio, ma si vede che vengono valutate anche altre cose oltre i risultati. Avrei preferito ripagare la fiducia della società con una vittoria. Sono comunque molto orgoglioso di questa scelta. Abbiamo iniziato male ma dopo abbiamo tenuto il pallino del gioco e avuto diverse occasioni, in questo momento non gira ma dobbiamo riuscire a invertire il trend. In questo momento il 4-3-2-1 è il sistema migliore in questo momento: posso mettere Nainggolan e Joao Pedro nella loro posizione più congeniale e ho la copertura di due interni come Duncan e Nandez. Stiamo soffrendo molto psicologicamente, non riusciamo a fare gol e i risultati ci mancano tanto. Le tre punte centrali? Ne avrei preferito due ma Pavoletti ogni tanto ha qualche acciacco fisico, valuteremo se uno verrà ceduto o meno».

LA CONFERENZA STAMPA – Eusebio Di Francesco ha poi risposto alle domande dei giornalisti presenti nella sala stampa del Ferraris: «Siamo partiti non bene e come al solito ultimamente ci siamo trovati ad inseguire. Non è sempre facile, ma siamo mancati nel non andare a chiudere le tante occasioni da gol o situazioni pericolose che abbiamo creato. Questo è un peccato perché per quella che è stata la prestazione oggi non meritavamo la sconfitta. Noi in questo momento viviamo un momento di grande difficoltà nel concretizzare la grande mole di gioco che c’è stata anche oggi. Si sprecano tante energie e il rischio poi che ci sia poca lucidità e allo stesso tempo meno sicurezze. Vedendo le qualità, non si spiega come mai il Cagliari sia così in basso in classifica. È la cosa che fa più male. Credo che se sono ancora qua è perché dentro c’è tanto lavoro che ad oggi non è ripagato per quello che stiamo facendo. La cosa che mi fa più rabbia è che tutto quello che ci stiamo mettendo, parlo sempre al plurale, non viene poi riconosciuto e ripagato in campo. Però bisogna anche dire che ci sono dei demeriti. Pavoletti in panchina? Non è stato tanto bene. Si è bloccato in allenamento e oggi non era al meglio. Al di là di questo devo dire che Cerri sta facendo molto bene, peccato perché ha avuto una chance. Marin play? Lo può fare. Lo ha fatto anche con qualità. Sicuramente non è un giocatore che come qualità migliore ha la fase difensiva ma oggi credo che la squadra abbia più attaccato che difeso. E’ stata chiamata a difendere su lanci lunghi alle spalle dei nostri difensori. L’obiettivo futuro sarà la salvezza, questo è certo. Mancano 19 partite, credo che ci sia la possibilità di venirne fuori».

CLICCA QUI PER CONTENUTI VIDEO ESCLUSIVI SUL CAGLIARI!