Cigarini mette nel mirino la Juve: «Non sarà semplice neanche per loro»

cigarini cagliari
© foto 10-11-2019 Cagliari, Calcio Serie A 2019/20, Sardegna Arena, Cagliari vs Fiorentina. Foto Gianluca Zuddas per Cagliarinews24.com. Nella foto: Cigarini

Il centrocampista del Cagliari Luca Cigarini ha parlato ai microfoni del Corriere dello Sport, tra la prossima sfida contro la Juventus e il campionato positivo dei rossoblù

Dopo le vacanze di Natale, il Cagliari è tornato ad allenarsi ad Asseminello. I rossoblù sono attesi dalla complicata trasferta di Torino contro la Juventus. Luca Cigarini, intervistato dal Corriere dello Sport, però avvisa i bianconeri: «Diciamo che se per noi non sarà una sfida semplice, anche per loro, il Cagliari sarà una bella gatta da pelare».

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!

RINNOVO – Il regista di Maran sta giocando un’ottima stagione nel centrocampo super costruito in estate dalla società. E uno dei primi tasselli è stato proprio il suo rinnovo, con il contratto prolungato di un altro anno: «Quando abbiamo affrontato il tema del rinnovo e abbiamo fatto delle considerazioni di comune accordo che poi si sono rivelate azzeccate. Il contratto scadrà a giugno e abbiamo parlato a grandi linee, ma niente di concreto. Non è il momento adatto per affrontare questi discorsi, lo faremo più avanti. Sono sereno anche perché probabilmente questo è uno dei miei migliori anni».

CAMPIONATO Cigarini commenta anche il campionato positivo del Cagliari, nonostante le difficoltà dell’ultimo mese: «Ci sono dei momenti durante i quali la squadra da il meglio di sé e altri dove accusa un leggero calo fisico o mentale. E poi ci sono anche gli avversari da tenere in considerazione e non sempre puoi andare a duecento all’ora come abbiamo fatto per gran parte del campionato. Io guardo il bicchiere sempre mezzo pieno e dico che pur con qualche difficoltà, siamo riusciti a fare buone prestazioni e risultati importanti. Rigiocherei le partite contro l’Udinese, perché non abbiamo dato il meglio di noi stessi, e contro la Lazio, ma nello stesso modo di come l’abbiamo giocata. La miglior partita? Quelle contro Fiorentina e Atalanta. Il nostro segreto? Non volersi accontentare mai. Questo deve essere il nostro leitmotiv per crescere».