Connettiti con noi

Hanno Detto

Capozucca a “Il Cagliari in diretta”: «Abbiamo 7 finali e dobbiamo vincerne almeno 3. Nandez? Non lo regaliamo»

Pubblicato

su

Il direttore sportivo del Cagliari Stefano Capozucca ospite a “Il Cagliari in diretta”: ecco le sue dichiarazioni live

Il direttore sportivo del Cagliari Stefano Capozucca ospite al programma di Radiolina “Il Cagliari in diretta”: ecco le sue parole riprese LIVE da CagliariNews24.


CAGLIARI – «Se guardiamo la classifica si capisce la salute del Cagliari»

SOSTA – «Sicuramente è servita, non tanto perchè abbiamo 8 nazionali e Mazzarri non aveva l’organico completo. Abbiamo recuperato Ceppitelli e Dalbert anche se non al massimo, anche Keita è recuperato»

FACCIA A FACCIA CON GIULINI – «Si è parlato molto di questo, il presidente ha diritto, si trova all’ultimo posto dopo che ha un centro sportivo all’avanguardia, stipendi importanti e non è gradevole per lui essere ultimo. Tutti abbiamo commesso errori, ma lui non è contento ed ha avuto uno sfogo. Magari si sono spifferate cose non accadute o deformate. Giulini ha ripreso la squadra sulla responsabilità e l’attaccamento alla maglia, era deluso perchè lui non fa mancare nulla»

MAGLIA – «Quando si notano prestazioni come Firenze, quando si perde in maniera immeritata come la Roma non puoi imputare niente anche considerando le assenze, ma con la viola la prestazione era indecorosa. Il detto di sudare la maglia e lottare non si è visto, noi dobbiamo ottenere punti e mettere sotto di noi 3 squadre: sono convinto che lo faremo perchè abbiamo le qualità ma servono cattiveria e grinta»

SOLUZIONI – «La prestazione con la Roma è stata importante, loro sono forti e noi meritavamo di vincere. Grande gara di Bellanova, se fossimo stati più fortunati avremmo vinto. Schierare la stessa formazione nella gara dopo era impossibile, ci sono stati dei rientri che potevano dare maggiore apporto. Mazzarri sta cercando varie soluzioni per venire fuori dal momento, ho avuto tanti allenatori in carriera, lui è capace, scrupoloso e sta ad Asseminello 8/9 ore al giorno. Prima o poi ne usciremo con il lavoro, se certi giocatori capiscono cosa chiede il mister»

MAZZARRI – «Mazzarri è una certezza, vedo spesso il presidente e stiamo facendo ragionamenti. Sento voci strane di una cessione, Giulini vuole salvarsi a tutti i costi e ci sta soffrendo. La retrocessione non è mai positiva, è un collasso economico. A differenza di altre società noi siamo sani a livello economico. Giulini crede in Mazzarri, ci credo anche io che sono il direttore sportivo e vivo affianco al mister vedendo il lavoro dentro e fuori dal campo, lo giudico per quello che fa in settimana e non solo la domenica; anche Mazzarri sta soffrendo, non ha mi visto una situazione cosi»

GODIN – «Sulla verità c’è sempre ben poco, le situazioni si possono concretizzare con le richieste reali. Nel caso di Nandez il procuratore è molto attivo sui giornali ma nessuna trattativa è in corso. Nandez è forte e da l’anima per il Cagliari, quando lo abbiamo acquistato è stato fatto un investimento importante e non vedo perchè dovremmo regalarla a una società di prima fascia in prestito a cifre irrisorie»

RITIRO – «Continuiamo con il ritiro, da oggi staremo insieme. Vogliamo continuare a far capire quanto teniamo a questa salvezza, se lasciamo tranquilli i calciatori gli facciamo capire che noi e la gente di Cagliari vogliamo assolutamente questa salvezza. le persone che scrivono sui social “Questo è un coglion*” non vogliono bene al Cagliari. Dobbiamo stare uniti per l’unico obbiettivo, ci siamo fissati un obbiettivo, mancano 7 partite e questo vale molto per me e il presidente. Se faremo bene vedremo un Cagliari diverso a gennaio»

MERCATO DI GENNAIO – «Sarà un mercato interessante, Mazzarri ha le idee chiare che sono in sintonia con noi. Vuole giocatori che abbiano voglia di lottare, vogliamo la salvezza. Il ritiro non è un dispetto per tenerli lontani dalle famiglie, penalizza più chi c’è intorno come i magazzinieri che guadagnano molto meno dei calciatori. Il 21 giochiamo a Torino contro la Juve e vorrei avere i punti che ci siamo prefissati di avere»

SITUAZIONI – «Questa è la situazione peggiore che abbiamo avuto, ci manca quel pizzico di fortuna che abbiamo avuto lo scorso anno nei momenti importanti. Ricordiamo contro il Venezia in casa, oppure con il Genoa sempre in casa e con la Roma. Se siamo ultimi qualche problema lo abbiamo, è una situazione difficile ma la fortuna è che tutti quelli che lavorano per il Cagliari siamo compatti verso l’obbiettivo»

SASSUOLO – «Ci mancano 7 finali e dobbiamo vincerne almeno 3, come ho detto alla squadra. Non mi interessa contro di chi ma dobbiamo vincerle, le proibitive sono Inter e Juve ma dobbiamo fare 9 punti assolutamente. Il Sassuolo è molto forte davanti e dobbiamo contenerla, abbiamo sempre preso gol e dobbiamo smentire questi numeri»

SQUADRA – «Le ambizioni dei calciatori non è retrocedere. Parlavo oggi con Joao Pedro e gli ho detto che il suo obbiettivo è salvare il Cagliari, andare in Nazionale e al Mondiale. Lui ha la cittadinanza italiana è può essere convocato dall’Italia, mancano attaccanti perchè non portarlo in nazionale?»