Cagliari, un mercato all’insegna della versatilità

© foto www.imagephotoagency.it

Il Cagliari continua a lavorare sottotraccia per regalare a Rastelli un centrocampista di valore. Se Ionita è destinato ad occupare il ruolo di centrosinistra, l’altro neo acquisto Padoin è stato provato sia a centrocampo che in difesa. Svanito Rincon, il Cagliari cerca un centrocampista di spessore per completare il reparto e la sensazione, suffragata dalle parole di Giulini di una settimana fa e dalle dichiarazioni di Capozucca, è che la ricerca del centrocampista possa escludere l’arrivo di un terzino destro.

 

Si cerca un centrocampista in grado di ricoprire più ruoli: «Il nostro vero obiettivo ancora non l’ha scoperto nessuno. È un giocatore di livello, duttile. Stiamo trattando, non è facile quando si parla di un giocatore di una grande squadra. Il presidente è attento e vediamo se riuscirà a fare questa sorpresa», le parole del ds sardo. La ricerca di un centrocampista duttile e di spessore dà un indizio sulle intenzioni societarie in sede di mercato: il mirino non è su un terzino destro, ruolo in cui la rosa rossoblù e carente. E la ricerca di un centrocampista di livello nonostante la presenza in rosa di Ionita, Padoin, Dessena e Di Gennaro (e considerata l’espressa volontà di ripartire dal 4-3-1-2), rinforza la posizione che vede l’ex talismano juventino terzino destro. Ma l’acquisto che ha in mente il ds rossoblù non avrebbe soltanto rilevanza tecnica: l’arrivo del centrocampista versatile di cui ha parlato Capozucca consentirebbe a Rastelli ampi margini di manovra dal punto di vista tattico per mettere in atto il 3-5-2. Ed il giocatore di proprietà di una big, duttile e di livello potrebbe essere Mauricio Isla. Il suo nome è emerso nelle ultime ore ed il profilo del centrocampista rispecchia appieno la descrizione del ds dei sardi. Mezzala, terzino, esterno nel 3-5-2 ed all’evenienza anche mediano: la duttilità è uno dei punti di forza del cileno che si è fatto apprezzare dal 2007 al 2012 all’Udinese, squadra che lo ha scoperto, prima di inabissarsi a seguito del passaggio alla Juventus. Ora potrebbe esserci la possibilità di rilanciarsi in Sardegna, al fianco degli ex compagni in bianconero Storari e Padoin.

La società si muove per consegnare al tecnico una rosa versatile, dotata di esterni in grado di svolgere più ruoli. E l’arrivo di un terzino destro di ruolo è tutt’altro che scontato.

Articolo precedente
Cagliari, mattinata di lavoro prima dell’amichevole col Terek Grozny
Prossimo articolo
Cagliari-Terek Grozny, le formazioni ufficiali: Rastelli opta per il 4-3-1-2, Padoin a centrocampo