Cagliari-Sampdoria, le pagelle: Nandez e JP sugli scudi

© foto 07-11-2020 Cagliari, Sardegna Arena, Serie A, Cagliari-Sampdoria. Foto Gianluca Zuddas/CagliariNews24.com. Nella foto: Nandez

Le pagelle di Cagliari-Sampdoria: Nandez superiore, Joao Pedro essenziale, Ounas brioso. Rimandati Marin e Simeone, DiFra fa la differenza

CAGLIARI (4-2-3-1): Cragno 6; Zappa 6.5 (90+1′ Pisacane sv), Walukiewicz 6, Godin 6.5, Lykogiannis 6.5; Marin 5.5 (46′ Sottil 7), Nandez 8 (90+1′ Caligara sv); Ounas 7 (90+1′ Tramoni sv), Joao Pedro 7, Rog 6; Simeone 5.5 (87′ Pavoletti sv). A disposizione: Aresti, Vicario; Klavan, Tripaldelli; Oliva; Cerri, Pereiro. Allenatore: Eusebio Di Francesco 7

SAMPDORIA (4-4-2):Audero 6; Bereszynski 6, Yoshida 6, Tonelli 5.5, Augello 4.5; Candreva 5 (81′ Verre sv), Thorsby 6, Ekdal 6 (77′ Adrien Silva sv), Jankto 5.5 (77′ Leris sv); Ramirez 5 (43′ Damsgaard 6.5), Quagliarella 5 (77′ La Gumina sv). A disposizione: Letica, Ravaglia; Colley, Ferrari, Regini; Askildsen; Prelec. Allenatore: Claudio Ranieri 5.5

CAGLIARI-SAMPDORIA: LA CRONACA DEL MATCH

Le pagelle motivate dei rossoblù

CRAGNO 6: Non viene mai realmente chiamato in causa dall’attacco doriano, si disimpegna senza problemi in fase d’impostazione. Finalmente torna a casa con la porta inviolata.

ZAPPA 6.5: Quando si spinge in avanti è un’ira di Dio; oggi, però, riesce a mostrarsi più oculato anche in fase difensiva, compiendo un passo in avanti. In costante crescita, per lui si prospetta un futuro decisamente luminoso. (90+1′ PISACANE sv)

WALUKIEWICZ 6: Con la palla al piede è sempre un gran bel vedere: uscite di classe ed eleganza unica. A volte, però, tende a specchiarsi troppo, e rischia di fare frittate clamorose. Se vuole diventare un big deve lavorare sull’efficacia. Nel complesso prestazione sufficiente.

GODIN 6.5: In avvio dà la costante sensazione di trovarsi in difficoltà. Poi alza l’asticella e non lascia respiro agli attaccanti avversari, senza disdegnare la proiezione offensiva palla al piede. Oggi, finalmente, si è visto il vero Caudillo uruguagio.

LYKOGIANNIS 6.5: Lyko continua a non steccarne più una. Al primo tempo deve fronteggiare un vecchio lupo di mare come Candreva ma gli concede una giocata pulita in 45 minuti. Dà continuità in termini di accortezza anche nella seconda frazione, affacciandosi al contempo in avanti con qualche galoppata interessante.

MARIN 5.5: La sua prestazione è certamente condizionata dagli eventi della partita: dopo la sua uscita di scena, complice anche l’espulsione di Augello, il Cagliari cambia marcia e si prende la partita. Il rumeno anche oggi non convince pienamente, ma la sua ottima tecnica è innegabile. Ha bisogno di prendere fiducia. (46′ SOTTIL 7: Entra e spacca la gara in due. In ripartenza è micidiale, e semina il panico nella retroguardia blucerchiata. Va anche a segno, ma Ayroldi annulla per fuorigioco di Ounas)

NANDEZ 8: Diciamolo chiaramente: Nahitan Nandez è un giocatore superiore. Fa la differenza ovunque, che giochi mediano o esterno. Anche oggi non c’è una sola zolla della Sardegna Arena che non sia stata calpestata dall’uruguagio. Causa l’espulsione di Augello e chiude la gara con un super gol. (90+1′ CALIGARA sv)

OUNAS 7: L’algerino ripaga a pieno la fiducia di Di Francesco, mettendo in mostra tecnica eccelsa e brio fuori dal comune. Regala due cioccolatini splendidi a Joao Pedro: nel primo caso il brasiliano coglie l’incrocio dei pali, nel secondo conquista il rigore. Unica pecca: a tratti risulta un po’ troppo fumoso. (90+1′ TRAMONI sv)

JOAO PEDRO 7: Oggi il capitano è un po’ più in ombra del solito, e compie qualche errore tecnico non da lui. Poi però guardiamo gli highlights e ci rendiamo conto che prende un incrocio dei pali, si conquista un rigore e – pur battendolo male – sblocca la gara. Joao è sempre indispensabile per il Cagliari.

ROG 6: Al primo tempo soffre il giocare in un ruolo non suo, quando torna in mediana cambia registro ma non convince pienamente. Qualche errore di troppo: perde una palla da harakiri sulla propria trequarti, deve ringraziare i giocatori della Doria che non sono riusciti a capitalizzare.

SIMEONE 5.5: Si sacrifica come sempre ma non entra mai nel vivo dell’azione, risultando evanescente. Si riscatta parzialmente quando manda Nandez in porta in occasione del 2-0. Giornata no per il Cholito: dopo 5 gol in 6 gare, un turno di riposo glielo si può anche concedere… (87′ PAVOLETTI sv)

DI FRANCESCO 7: Sacrifica parte del peso specifico offensivo mettendo Rog largo e Nandez in mediana. Risultato: c’è poco brio davanti ma trova la tanto agognata solidità. Poi, all’intervallo, azzecca la mossa che cambia la gara. Con la Samp in 10 uomini decide di spingere sull’acceleratore e schiera quattro attaccanti contemporaneamente. Il risultato gli dà ragione: bravo Mister!

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!