Cagliari, Olsen si presenta: «Felice di essere qui, Roma è il passato»

robin olsen
© foto 16-09-2019 Calcio, Serie A, Cagliari, Sardegna Arena. Foto Gianluca Zuddas. Nella foto: Olsen

Cagliari, la conferenza di presentazione di Robin Olsen. Il portiere svedese, già due presenze in rossoblù, incontra la stampa alla Sardegna Arena

Il suo arrivo last minute ha messo una pezza al vuoto lasciato dalla lunga assenza di Alessio Cragno: in due partite Robin Olsen si è già preso la porta del Cagliari. Autore di un paio di parate decisive nel match vinto a Parma, il portiere della nazionale svedese si è presentato oggi alla stampa in una conferenza convocata alla Sardegna Arena.

DA ROMA A CAGLIARI – Queste le parole di Olsen: «In questi primi giorni sto molto apprezzando Cagliari. Sono felice di essere qui. Sono stato subito contento dell’interesse che mi hanno manifestato, conoscevo il club e il suo blasone. È una bella opportunità per me e farò il massimo. Questo club ha una grande tradizione di portieri, io mi allenerò al massimo per entrare a farne parte. Venire in Italia dal campionato danese è stato un bel salto ma sono arrivato pronto. Roma è il passato, ho un anno di esperienza in più in Italia e mi sento forte; voglio esprimermi qui a Cagliari. Mi è piaciuto come ieri abbiamo giocato uno per l’altro, continuando così possiamo fare bene. Gervinho? Ieri ha avuto un paio di buone occasioni ma ero preparato e sono contento di aver salvato la porta».

IL FUTURO – «Quando sono arrivato qui sono andato subito in campo, con una sola seduta di allenamento con i nuovi compagni: sono state ore abbastanza stressanti. Con Simeone abbiamo scherzato a lungo su un contatto dell’anno scorso in campo. Ora stiamo dalla stessa parte e daremo tutto per questa maglia. Non so esattamente quando rientrerà Cragno, è un ottimo portiere e sono convinto che tornerà più forte di prima. Quel giorno sarò contento di giocarmi il posto con lui, la concorrenza fa bene in allenamento e in partita. Col Genoa sarà una gara dura, dobbiamo ripetere una prestazione come quella di Parma perché vogliamo fare tre punti in casa nostra».