Cagliari, conto alla rovescia per il ritorno di Joao Pedro

joao pedro cagliari-milan
© foto www.imagephotoagency.it

Il trequartista del Cagliari Joao Pedro è pronto a tornare in campo domenica contro il Milan dopo la squalifica per doping

La luce in fondo al tunnel è sempre più vicina. Dopo 126 giorni Joao Pedro potrà tornare a giocare. Il 13 maggio aveva abbandonato l’Artemio Franchi di Firenze in lacrime, consapevole dell’importanza di quella vittoria per il Cagliari in chiave salvezza ma anche del rischio di non poter più scendere in campo per chissà quanto tempo. Era la finestra tra la sospensione per la positività all’idroclorotiazide e il processo che avrebbe poi inflitto al brasiliano 6 mesi di squalifica, confermati anche dopo il ricorso della Procura.

CONTO ALLA ROVESCIA – Joao finirà di scontare i 6 mesi sabato 15 settembre, giusto in tempo per il posticipo del quarto turno di Serie A contro il Milan, in programma il giorno dopo. La Sardegna Arena è pronta a riabbracciare il suo numero 10, che ha passato un estate complicata, costretto ad allenarsi da solo sui campi del Cus Cagliari in attesa di poter essere reintegrato in gruppo. Il Cagliari ha voluto aspettarlo, costruendo una squadra che potesse adattarsi alle sue caratteristiche da trequartista. Nel frattempo nel 4-3-1-2 si sono alternati dietro le punte Ionita, Barella e Castro, tutti finiti 10. La società ha voluto dimostrare anche così che continua a puntare e credere nel brasiliano. Da domenica JP dovrà ripagare questa fiducia e farsi perdonare per un errore che sarebbe potuto costare molto più caro sia alla squadra che a lui.

CONTRO IL MILAN – Solo nei prossimi giorni scopriremo se verrà rilanciato dall’inizio già da domenica o dovrà aspettare ancora, magari entrando a gara in corso. Joao Pedro si allena con i compagni da poco più di un mese e nonostante l’inattività è pronto a scendere in campo. È un momento che aspetta da mesi. Contro il Milan inoltre ha sempre offerto ottime prestazioni, segnando anche due reti in quattro presenze. Maran in queste prime partite non è sembrato restio a lanciare – se in condizione – i nuovi arrivati o chi, come Srna, era reduce da un lungo stop. Titolare oppure no, l’incubo per JP10 è finalmente giunto al termine.

Articolo precedente
Nazionali rossoblù: Klavan, Ionita e Lykogiannis in campo
Prossimo articolo
cagliari-milanCagliari-Milan, diretta tv e streaming: dove vederla