Cagliari, quanti infortunati: in 7 in differenziato

sau cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

In vista della gara contro il Genoa di domenica prossima, il Cagliari deve fare i conti con gli infortunati: in 7 lavorano in differenziato

La partita contro il Genoa di domenica prossima alla Sardegna Arena potrebbe rivelarsi fondamentale per il futuro di Massimo Rastelli sulla panchina del Cagliari. Il tecnico però deve fare i conti con i numerosi infortunati e sperare di recuperare qualcuno in settimana. Ieri, nell’ultimo allenamento della settimana, si sono allenati in differenziato in sette: Ceppitelli, Cossu, Cragno, Faragò, Melchiorri, Rafael e Sau. La situazione è preoccupante, se non dovessero cambiare le cose. Ad iniziare dall’emergenza portieri. Al momento contro i liguri potrebbe giocare il terzo Luca Crosta, classe 1998 e che ha già esordito (parando un rigore a Bacca) nell’ultima giornata dello scorso campionato al Sant’Elia contro il Milan (2-1 per i rossoblù). Rafael è fermo da agosto per un problema al polso destro, ma le 6 settimane di recupero sono terminate e già da martedì potrebbe tornare a pieno regime. Alessio Cragno, invece, si è fermato per un affaticamento al retto femorale della coscia destra.

DIFESA – Nel reparto arretrato sono al momento k.o. Luca Ceppitelli e Paolo Faragò, centrocampista e all’occorrenza terzino. Il primo, fermo dalla gara contro il Sassuolo, è sulla via del recupero. L’ex Novara, invece, è out da giovedì per un trauma contusivo-distorsivo della caviglia destra. L’unica buona notizia è il recupero completo dell’olandese Gregory van der Wiel. Da capire se Rastelli vorrà da subito buttarlo nella mischia.

ATTACCO – Delicata la situazione nel reparto offensivo. Marco Sau è dovuto uscire nel primo tempo di Napoli-Cagliari per un’elongazione all’adduttore della coscia destra. Fuori dai convocati per la gara del San Paolo Andrea Cossu a causa di un affaticamento all’adduttore destro che l’ha costretto ad allenarsi a parte per tutta questa settimana. Soliti problemi, invece, per Federico Melchiorri. Dopo la convocazione per la gara contro il Chievo, l’attaccante rossoblù è rimasto a casa per la gara con il Napoli e prosegue l’iter personalizzato a distanza di quasi 10 mesi dall’operazione.

Articolo precedente
Addio Biscardi, il saluto del Cagliari: «Buon viaggio» – FOTO
Prossimo articolo
ragatzu olbiaOlbia, non basta un gol di Ragatzu: al Nespoli vince il Siena